Foligno, Filipponi (Impegno civile): “Il sottopasso di via Campagnola è sicuro?”

La consigliera di minoranza denuncia come dall’appello dello scorso anno ad oggi nulla sia cambiato. “I segni di degrado dicono che la situazione sia peggiorata”

Il sottopasso di via Campagnola

Riflettori puntati a Foligno sul sottopasso di via Campagnola, che sorge proprio sotto la statale 3 “Flaminia”. Ad accenderli ci ha pensato la consigliera comunale di Impegno civile, Stefania Filipponi, che chiede che venga valutata la pericolosità dell’infrastruttura.

Il motivo è semplice: foto alla mano l’esponente di minoranza spiega come l’opera presenti segni di degrado nell’intradosso, con il copriferro saltato e le armature in bella vista. Una situazione non nuova, però, quella denunciata da Stefania Filipponi. “La circostanza - si legge nell’interrogazione presentata dalla consigliera - è stata portata all’attenzione dell’assessorato competente sin dallo scorso anno, ma - spiega - non sembra siano stati fatti interventi, con la situazione che appare peggiorata.

Ma quella delle armature non è l’unica stortura denunciata. Tra le criticità riscontrate e messe in luce anche “la forte compromissione del manto stradale con buche profonde - sottolinea Stefania Filipponi - e marcati avvallamenti, che rendono quasi impraticabile il transito pedonale e carraio e che hanno causato rovinose cadute e incidenti”. C’è poi la presenza di piante sui bordi della carreggiata “che - denuncia la consigliera -, anche nei giorni scorsi, sono caduti sulla via sottostante causando danni ai cittadini”. Ed ancora “muri di contenimento e cordoli della carreggiata con evidenti segni di lesioni e pericolo di cedimenti improvvisi, e marciapiedi e piste ciclabili in cattivo stato di conservazione”.

Tutte questioni su cui, per l’esponente di Impegno civile, urge l’intervento dell’amministrazione Mismetti. Intanto - come detto - per valutarne l’eventuale pericolosità, ma anche per illustrare i provvedimenti già adottati o che si intendono adottare.

Da Stefania Filipponi, infine, anche la richiesta di chiarimenti sul soggetto competente ad intervenire e sui costi sostenuti nei cinque anni di legislatura dall’amministrazione sia per quanto riguarda la manutenzione ordinaria che quella straordinaria.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento