Foligno, la carica di Forza Italia per le comunali: “C'è bisogno di aria nuova”

Gli esponenti cittadini del partito fondato da Berlusconi tracciano il bilancio di fine anno e si preparano alle elezioni: “Uniti con Fratelli d'Italia e Lega”

Il gruppo folignate di Forza Italia

Forza Italia scalda i motori in vista delle prossime elezioni amministrative. A Foligno gli esponenti del partito fondato da Silvio Berlusconi tracciano il bilancio dell'anno che si sta per chiudere, con un occhio ad un 2019 che si preannuncia importante per la vita politica cittadina. Già, perché a primavera i folignati saranno chiamati a votare per il rinnovo di sindaco e consiglio comunale. Un appuntamento da non fallire per l'attuale opposizione, che vuole interrompere la lunghissima supremazia del centrosinistra. Per farlo, Forza Italia si presenterà alle urne insieme agli alleati di sempre: Fratelli d'Italia e Lega. “Ancora non si è parlato di candidati sindaci – spiega Riccardo Meloni, capogruppo di FI in consiglio comunale –, ma le direttive a livello regionale sono quelle di avere un'amalgama di esponenti delle tre forze nelle città superiori ai 15mila abitanti che andranno al voto”. Quello del centrodestra sarà, come ricordato da Meloni, “un candidato capace di coagulare tutte le forze in campo”, con la coalizione che apre gli orizzonti anche a liste civiche e mette un veto a Casa Pound (qualora si presentasse alle elezioni), “almeno – precisano gli azzurri – fino al ballottaggio”. Prima di concentrarsi sulle amministrative però, l'obiettivo è fare bene anche per ciò che concerne il rinnovo del consiglio provinciale, in programma ad inizio febbraio. Solamente dopo si inizierà a fare sul serio per la tornata elettorale nei comuni umbri. “Stiamo completando la campagna di tesseramento che sta andando molto bene – precisa Daniela Flagiello, coordinatrice cittadina di Forza Italia -. Siamo una squadra unita e pronta a lavorare per risolvere le annose problematiche che riguardano Foligno”. Per i forzisti, sono molte le criticità che interessano la città della Quintana. “Il fallimento di questa legislatura è sotto gli occhi di tutti – spiega senza mezzi termini Riccardo Meloni -. Partendo dalla vicenda dell'ex Zuccherificio, passando per Fils, piastra logistica ed aeroporto, questa giunta non è stata capace di trovare soluzioni adeguate”. Ma la lista per Forza Italia è ancora lunga. Dall'isolamento infrastrutturale con il Frecciarossa finito a Perugia allo svincolo di Scopoli, passando per lo spopolamento della montagna e l'assenza di politiche del lavoro rivolte ai giovani. Tra i cavalli di battaglia c'è anche quello della tassazione: “La Tari è in aumento – afferma Meloni -, mentre l'Irpef era già cresciuta nella scorsa legislatura. E' per questo – conclude il capogruppo –, che insieme ai nostri alleati vogliamo dare la possibilità ai folignati di cambiare questa città, facendoli partecipare a delle scelte coraggiose”. In conferenza stampa anche gli altri dirigenti della sezione cittadina: Alessandro Benfante e Massimo Maggiolini. E' proprio l'ex consigliere comunale a suonare la carica: “La maggioranza non capisce che il Comune è la casa di tutti, non solo di una certa parte politica – precisa Maggiolini -. E' sempre mancato il coinvolgimento e la partecipazione, ecco perché Foligno ha bisogno di aria nuova e di cambiamento. Siamo completamente insoddisfatti e delusi di avere un centrosinistra litigioso, che ha messo in evidenza molte spaccature”. Nell'attuale consiglio comunale, con Riccardo Meloni c'è anche Ivano Ceccucci, che lamenta la scarsa considerazione che la maggioranza ha della massima assise cittadina: “Spesso vengono prese decisioni senza passare dalle commissioni consiliari – lamenta Ceccucci -. C'è una vera e propria mancanza di attenzione verso le nostre istanze presentate negli anni”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento