Frana di San Giovanni Profiamma, Meloni: “L'amministrazione dia risposte certe”

Con una mozione urgente l'esponente di Forza Italia chiede lumi sulla questione della frana ancora non sistemata da piú di due anni

Riccardo Meloni

“Il sindaco e la giunta comunale di Foligno spieghino le motivazioni di questo ritardo inaccettabile e comunichino la reale riapertura della strada”. É la richiesta che arriva dal capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale, Riccardo Meloni, a proposito delle vicende che hanno accompagnato in questi anni la questione della frana di San Giovanni Profiamma. Richiesta che l'esponente forzista avanza firmando una mozione urgente, con cui impegna Nando Mismetti e i suoi a dare delle risposte, ma non solo. Nero su bianco, il consigliere folignate chiede infatti anche che sindaco e giunta si attivino concretamente perchè la vicenda veda una positiva risoluzione nel più breve tempo possibile. Già, perchè come ricorda Riccardo Meloni era il 2 aprile del 2013 quando la zona di San Giovanni Profiamma fu interessata da “un evento franoso di notevoli dimensioni”, che investì la carreggiata della Ss 3 “Flaminia”, da due anni e mezzo percorribile solo a senso unico alternato. Quasi 30 mesi durante i quali – ha spiegato l'esponente azzurro – si sono susseguiti, tra gli altri, un'interpellanza a sua firma, diverse sollecitazioni da parte di consiglieri regionali del Pd, fino ad arrivare alla costituzione di un comitato ad hoc per chiedere l'inizio degli interventi necessari per la riapertura completa della strada. Riapertura che sarebbe dovuta avvenire entro il 30 giugno scorso, diversamente da quanto accaduto nei fatti. La frana infatti ancora lì, così come permangono i disagi per i residenti della zona e per quanti si trovano quotidianamente a percorrere quel tratto di strada, scenario nel corso dei mesi anche di numerosi incidenti. Da qui, la scelta di Riccardo Meloni di tornare ancora una volta sull'argomento, chiamando in causa l'amministrazione comunale folignate. La mozione, comunque, arriva a pochi giorni di distanza dall'annuncio della prossima pubblicazione del bando dell'Anas con cui verranno affidati i lavori di recupero dell'area. Annuncio che ha di fatto “congelato” la protesta che Federconsumatori e il comitato dei residenti avevano messo in calendario per lo scorso mercoledì.  

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento