Spoleto, l’appello del Comune: “Subito un tavolo di confronto per il Lirico Sperimentale”

Dopo la proclamazione dello stato di crisi l’amministrazione della città ducale chiama a raccolta Regione e Comuni. “Salvaguardare un patrimonio culturale di valore inestimabile”

I protagonisti del Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto

Il Comune di Spoleto scende in campo per difendere il Teatro Lirico Sperimentale, dopo la proclamazione dello stato di crisi. L’amministrazione della città ducale è intervenuta, infatti, sulla vicenda chiedendo la convocazione di un tavolo di confronto che veda presenti tutti i soggetti, dai Comuni alla Regione. L’obiettivo dichiarato è quello di “salvaguardare - dicono dal Palazzo - un patrimonio culturale di valore inestimabile e scongiurare qualsiasi depauperamento dell’attività artistica e formativa del Teatro Lirico e dell’indotto professionale e occupazionale che genera sul territorio”. L’invito, dunque, è alla Regione Umbria ed alla provincia di Perugia, in primis, affinché chiamino a raccolta anche istituzioni e soggetti politici nazionali “per affrontare le criticità e studiare tutte le possibili soluzioni”. “Il Lirico Sperimentale - ribadiscono infatti dall’amministrazione comunale - è un’eccellenza assoluta del panorama artistico italiano, un punto di riferimento culturale che va difeso e sostenuto”. Un appello, quello lanciato dal Comune di Spoleto che arriva a seguito dell’ultimo tavolo di lavoro, quello in cui - denunciano dal Palazzo - avrebbero dovuto prender parte i dirigenti della Regione che, però, “non si sono presentati”. Insomma, l’invito è a non mettere a rischio il prosieguo delle attività del Teatro Lirico Sperimentale, alle quali l’amministrazione comunale partecipa con un contributo che è andato aumentando   negli ultimi tempi e che oggi supera gli 83mila euro annuali tra quota associativa e uno stanziamento straordinario aggiuntivo. “Una cifra - concludono da Palazzo Comunale - comunque importante per il bilancio di una piccola città come Spoleto”. 

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento