In Umbria inizia l'era Tesei: "Ho bene in mente cosa fare. Sisma, velocizzare le procedure”

A palazzo Donini passaggio di consegne tra il presidente uscente Fabio Paparelli e la nuova governatrice. Priorità alla ricostruzione in Valnerina e ricognizione sulle infrastrutture

Passaggio di consegne tra Fabio Paparelli e Donatella Tesei

“Agli umbri dico di stare tranquilli, io sono pronta a lavorare pensando al bene di tutti”. Sono le prime parole di Donatella Tesei da presidente della Regione Umbria. Dichiarazioni che arrivano negli istanti successivi al passaggio di consegne ufficiale tra l'uscente Fabio Paparelli e la nuova governatrice del Cuore verde d'Italia. Un incontro breve ma cordiale tra i due, iniziato e terminato con una stretta di mano che ha sancito l'inizio dell'era Tesei in Regione. “Lavorerò con grande determinazione. Sicuramente non si potrà fare tutto subito, ma ho già bene in mente l'idea per l'Umbria che voglio portare avanti nell'interesse generale”. Ad aspettare l'ex sindaco di Montefalco all'ingresso di palazzo Donini diversi esponenti della Lega. Dal segretario umbro Virginio Caparvi a Paola Fioroni, Daniele Carissimi, Simone Pillon e Stefano Pastorelli. Dopo il passaggio di consegne nel cuore della vita amministrativa dell'Umbria, la presidente ha presenziato all'apertura dell'anno accademico dell'Università per Stranieri. Il suo sguardo però è proiettato agli stringenti impegni in qualità di presidente. Su tutti la composizione della giunta: “Penso che entro fine settimana la squadra di governo sarà pronta – commenta a riguardo Donatella Tesei -. Non voglio perdere tempo, perché ci sono questioni importanti da affrontare entro breve”. Ma cosa cambierà da domani? “Sicuramente l'approccio – risponde senza esitazioni Tesei -. Ci sono alcuni temi che devono essere analizzati subito: vedrò i direttori in tempi brevi, ma domani (martedì ndr) ho un incontro a Roma con il sottosegretario Fraccaro per parlare di sisma”. Proprio il terremoto è una delle priorità dell'Umbria: “E' un problema serio – spiega la governatrice -. Speriamo che con il decreto ed i vari emendamenti si possa velocizzare la ricostruzione, con procedure più snelle ed efficaci nell'interessi della Valnerina che è in ginocchio. Tra le priorità ci sono anche le infrastrutture, ma prima di dire cosa fare, voglio vedere la situazione e fare una ricognizione”. Nell'augurare buon lavoro a Donatella Tesei, il presidente uscente Fabio Paparelli si è detto “pronto a lavorare per il bene dell'Umbria, pur con ruoli diversi. Il prossimo anno – ricorda Paparelli – saranno i cinquanta anni della Regione. Cinquanta anni di crescita, sviluppo e benessere: è per questo che auguro alla nuova presidente di lavorare nell'interesse della comunità umbra per aprire un nuovo ciclo di benessere”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento