Che prodezza di Gbale! L’Angelana cade al Comunale di Spoleto

I ragazzi di Cavalli, in dieci, superano per due a uno gli ospiti e chiudono l’anno con una vittoria, rimanendo in scia al Foligno che a sua volta ha battuto in rimonta il Massa Martana

Roberto Damaschi

Una grande prestazione di gruppo, oltre che dei singoli, regala allo Spoleto i tre punti contro l’Angelana. I padroni riescono ad imporsi per 2-1 sugli ospiti in maglia giallorossa, pur dovendo fare a meno di Vito Falconieri e di mister Cavalli, entrambi espulsi dal direttore di gara a partita in corso. Al rigore di Calabretta risponde il destro dal limite di Passeri, ma è Gbale a trovare il gol vittoria agli sgoccioli del match.

IL PRIMO TEMPO - Inizia la partita e i padroni di casa cominciano a farsi vedere: al 9’ è Falconieri ad impegnare Mazzoni con il sinistro alla respinta di pugno, mentre al 13’ è Bianchi a portarsi al tiro dal limite, non riuscendo però a trovare lo specchio della porta. E’ al 26’, però, che arriva la svolta della partita: l’arbitro ferma il gioco dopo il calcio d’angolo battuto da Calabretta ed espelle Falconieri, colpevole di aver colpito Burini al volto. Passano due minuti e lo Spoleto, solo apparentemente svantaggiato, trova il vantaggio: su cross di Calzola, Burini colpisce con la mano e il signor Castrica assegna il tiro dal dischetto per i padroni di casa senza esitazioni; Calabretta sceglie l’angolo alla destra di Mazzoni e lo infila con un secco rasoterra. Al 37’, poi, i biancorossi hanno la possibilità di raddoppiare: Calabretta pennella in mezzo dalla trequarti, ma Mazzoni è bravo prima a respingere il colpo di testa di Boninsegni e poi a bloccare il colpo a botta sicura di Papini.

IL SECONDO TEMPO - Riprende il gioco e l’Angelana trova subito il pareggio: dopo 40 secondi dalla ripresa di gioco un Passeri forse troppo libero riesce a controllare, spostarsi la sfera sul destro e concludere di precisione sul secondo palo alle spalle di Zandrini. Salvo l’episodio della rete, è comunque lo Spoleto a fare la partita, facendosi sentire prima all’8’ con Papini di testa, servito da una palla in mezzo di Calabretta, ed al 18’, con una bella azione corale di Colangelo, Ubaldi e lo stesso Calabretta, con quest’ultimo che però non riesce a centrare lo specchio. L’Angelana riesce a rendersi pericolosa nella metà campo ospite solo in altri due casi: prima al 30’ con Catani, che di sinistro impegna Zandrini nella deviazione in angolo e poi con De Santis, che al 37’ incrocia ma spedisce la palla altissima sopra la traversa. Con mister Cavalli espulso al 22’ del secondo tempo per le proteste nei confronti dell’assistente dell’arbitro, colpevole di aver segnalato una a dir poco dubbia posizione di off side di uno dei suoi, la gara che sembra terminare in pari, ma Gbale non è dello stesso avviso e con un colpo da fuoriclasse regala i tre punti ai suoi. Il classe ’99, servito con un cross dalla destra, si coordina e con una semi rovesciata da cineteca lascia immobile Mazzoni, insaccando alle sue spalle la sfera.

E’ grande quindi la soddisfazione in casa Spoleto, che riesce ad imporsi su un avversario che non aveva alcuna intenzione di capitolare, in una partita viziata da un arbitraggio non certamente impeccabile.

SPOLETO-ANGELANA 2-1

SPOLETO: Zandrini, Calzola (dal 15’st Bellucci), Papini, Boninsegni, Sensi, Di Patrizi (dal 6’st Gbale), Bianchi, Calabretta (dal 43’st Pigazzini), Colangelo (dal 46’st Donnola), Falconieri, Ubaldi Leonardo. A disp: Scerna, Bartoli, Ceccarelli, Pepoloni, Luparini. All. Cavalli

ANGELANA: Mazzoni, Cristofani (dal 15’st Bartolini), Muzhani, Barbini, Burini, Ragusa (dal 46’st Bastianini), Catani, Ubaldi Luca, Passeri, Barbacci (dal 11’st De Santis), Fondi. A disp: Lenzi, Scopetti, Galassi, Cirocchi, Capitani Confessore. All. Valentini

Reti: 28’pt Calabretta (rig.), 2’st Passeri, 44’st Gbale

Arbitro: Andrea Castrica di Terni

Logo rgu.jpg

di Francesco Saverio Miliani

Aggiungi un commento