Dall'Atletico Foligno alla C4, domenica da incorniciare per il calcio folignate

Esordio perfetto per le ragazze del futsal femminile, che in trasferta battono 4-1 il Sabina Lazio. In Coppa Promozione i ragazzi Bicerna ottengono il passaggio con un rigore di Ganci

L'Atletico Foligno festeggia la vittoria in amichevole

Non solo la vittoria dei falchetti. Perché la domenica appena trascorsa ha sorriso a gran parte del calcio folignate. Il 2 a 0 con il quale gli uomini di Antonio Armillei hanno espugnato Grassina è probabilmente il risultato più eclatante. I biancazzurri arrivavano dalla brutta sconfitta con il Cannara. Per di più la giornata era iniziata nel modo peggiore per l’infortunio di Dondoni durante il riscaldamento, che ha costretto Fondi a sacrificarsi in difesa. Poi però ci hanno pensato Nuti nel primo tempo e Zerbo a metà della ripresa a realizzare i due gol decisivi. Una rete, e non solo, che per Nuti ha significato anche aggiudicarsi la tappa del premio Miglior Falchetto, organizzato dall’Unione della Stampa Sportiva dell’Umbria e da Radio Gente Umbra.
Vincente è stato l’esordio dell’Atletico Foligno nel campionato di A2 di calcio a cinque femminile. Le ragazze folignati si sono imposte per 4 a 1 sul campo della Sabina Lazio grazie alla doppietta della Bisognin e alle reti della Pace e della Narcisi.
Scendendo a livello regionale, a festeggiare è stata la C4, che ha centrato la qualificazione alla seconda fase della Coppa Italia di Promozione. Decisivo il rigore trasformato da Ganci che è valso la vittoria sul campo dello Spello, dopo che la C4 ha colpito anche quattro pali.
Squadre folignati per le quali è scongiurato lo stop alle attività. L’ultimo decreto governativo, infatti, ferma lo sport dilettantistico, ma non quello di rilevanza regionale e nazionale. Domenica dunque si tornerà regolarmente in campo. A cominciare da Foligno – Badesse, prima al Blasone con i cinquecento spettatori ammessi sugli spalti, dopo l’ultima ordinanza della presidente della Regione Donatella Tesei.

Logo rgu.jpg

di Simone Lini

Aggiungi un commento