Falchetti, con il San Sisto si festeggia la D? Armillei: “Vogliamo la spinta dei tifosi”

L'allenatore biancazzurro parla a poche ore dalla sfida di Gualdo Tadino che potrebbe regalare la promozione: “Loro cercheranno di metterci in difficoltà, ma siamo pronti”

Antonio Armillei

Ci siamo. Meno di ventiquattro ore e poi si saprà se il Foligno starà festeggiando la conquista della serie D. L'appuntamento è per domani, giovedì 25 aprile (ore 15), quando allo stadio “Luzi” di Gualdo Tadino i Falchetti di Antonio Armillei affronteranno il San Sisto. In caso di pareggio o vittoria, per i biancazzurri la promozione in serie D sarà matematica. La penultima giornata del campionato di Eccellenza arriva dopo un lungo stop dovuto alla partecipazione della Rappresentativa umbra al Torneo delle Regioni e alle festività pasquali. Oltre due settimane di stop nelle quali i Falchetti hanno avuto la possibilità di ricaricare le pile dopo un periodo intenso di impegni tra Coppa e campionato. Contro il San Sisto non sarà una gara facile, con i perugini che daranno il massimo dopo le polemiche per la scelta di far disputare la gara a Gualdo. I motivi di ordine pubblico non hanno convinto pienamente il San Sisto, pronto a dare del filo da torcere a Peluso e compagni. “Sarà una gara difficile contro una squadra forte – ammette Antonio Armillei alla vigilia della sfida -. Da parte nostra, c'è la consapevolezza che potrà essere la partita che potrebbe portarci alla serie D”. Ma quale insidie nasconde questo San Sisto? “Loro vorranno metterci in difficoltà e come in tutte le partite le insidie sono dietro l'angolo – spiega l'allenatore folignate ai microfoni di Radio Gente Umbra -. Noi siamo pronti e ci siamo preparati bene per questa sfida”. Al contrario dei perugini, per Antonio Armillei giocare a San Sisto o a Gualdo Tadino cambia poco: “Per noi è indifferente, l'importante è che alla fine arrivi l'ultimo punto utile a darci la possibilità di festeggiare”. L'undici che scenderà in campo rimane top secret, anche se l'allenatore dei Falchetti è certo su quello che dovrà essere l'atteggiamento in campo: “Cercheremo di fare la nostra partita, andando in campo per proporre il nostro gioco – sottolinea Armillei -. Questa non è una squadra in grado di gestire. Il lungo periodo di stop del campionato rappresenterà un'incognita sia per noi che per il San Sisto”. Infine, un appello ai tifosi: “Spero che a Gualdo siano numerosi. In questi due anni che sono stato l'allenatore del Foligno – conclude Armillei – la loro spinta è stata sempre importante e sono sempre stati in tanti a seguirci. Spero lo facciano anche contro il San Sisto”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento