Foligno da Eccellenza, il tecnico Armillei a Rgu: “I ragazzi mi hanno regalato un sogno”

All'indomani della promozione in campionato, l'allenatore biancazzurro interviene ai microfoni de “Il Nido del Falco”: “Il futuro? Le decisioni vanno prese a mente fredda”

Antonio Armillei a Rgu

Come uno scolaretto che sente suonare l’ultima campanella e subito si rende conto di essere libero da impegni e dai pesi che fino a quel momento l’opprimevano, così si è presentato Antonio Armillei ai microfoni de “Il Nido del Falco”, raccontando l’annata straordinaria del suo Foligno. La parola più utilizza è “sogno”. “I ragazzi mi hanno regalato un sogno - dice Armillei - è chi va in campo che decide sempre i risultati, loro mi hanno regalato il sogno di vincere il campionato e riportare i Falchetti in Eccellenza”. E come dare torto al mister? In un anno i Falchetti sono passati dall’incubo della radiazione del febbraio 2017 alla vittoria rotonda di un campionato che fa sperare il meglio per l’imminente futuro. Sulla giornata di domenica scorsa Armillei racconta: “C’era tensione ovviamente, ma c’era anche la piena consapevolezza di poter far bene. Non me l’immaginavo in questa maniera, le cose avvengono in maniera spontanea, ma ero convinto che ce l’avremmo fatta. Siamo entrati in campo con grande serenità, consapevoli dei nostri mezzi e alla mezz’ora già l’avevamo chiusa”. Ma cos’è stata per il tecnico la vittoria del campionato? “Era il raggiungimento di un obiettivo che ci eravamo prefissi ad inizio anno. Non era scontato, vincere non è mai facile, soprattutto a Foligno dove sei costretto a farlo. C’è tanta gioia e tanta soddisfazione, mi ha stupefatto la testimonianza di affetto da parte dei tifosi. C’è stato subito un attestato di stima nei miei confronti a cui bisognava far corrispondere subito fatti e risultati”. A guardare i numeri sembra proprio una cavalcata trionfale quella del Falco, con ben 24 partite vinte, anche se Armillei su questo racconta: “Non mi aspettavo affatto un inizio così semplice e così facile. Non era semplice mettere insieme tutti questi giocatori così bravi, ma subito mi sono resi conto che potevamo recitare il ruolo di protagonisti assoluti. Quando l’Orvietana è sta ripescata le nostre possibilità di vincere il campionato sono aumentate, ma sapevo anche benissimo che la Ducato ci avrebbe dato del filo da torcere fino alla fine”. Non si può adesso non pensare al futuro. Anche se, ovviamente, è ancora presto. E da uomo d’ordine qual è, il mister non si lascia andare neanche in questo caso: “C’è qualcosa da migliorare chiaramente, ma anche nelle amichevoli abbiamo sempre ben figurato. Sarà una cosa semplice, logica, parlerò con la società e insieme vedremo cosa fare...le decisioni vanno prese a mente fredda, l’euforia del momento può far prendere decisioni sbagliate”.

E' possibile riascoltare l'intervista ad Antonio Armillei attraverso questo link: https://www.youtube.com/watch?v=VuUMcgnB5TU&feature=youtu.be

Logo rgu.jpg

di Alessandro Ronci

Aggiungi un commento