La pallavolo verso la normalità: l'Intervolley Foligno riprende a sudare

Allenamento congiunto con l'ErmGroup San Giustino in vista della gara di sabato 23 contro la Romagna Banca Bellaria. Il tecnico Giappesi: "Torneremo più carichi ed entusiasti"

L'Intervolley Foligno in azione

Un piccolo segnale di normalità per lo sport arriva dalla pallavolo. A pochi giorni dalla ripartenza dei campionati di serie B, prevista nel fine settimana del 23 e 24 gennaio, l’Intervolley ha svolto a Foligno un allenamento congiunto con l’ErmGroup San Giustino. Ad avere la meglio sono stati gli ospiti con il punteggio di 3 a 1.
Un antipasto della gara che la Rossi Ascensori disputerà sabato 23 alle 18 contro la Romagna Banca Bellaria. Soprattutto un passo avanti verso la normalità. L’Intervolley ha infatti comunicato la ripresa “con rinnovata energia ed entusiasmo delle attività di allenamento di tutte le squadre giovanili questa settimana, sempre nel rispetto delle normative sanitarie vigenti”.
Finisce dunque per la società il lungo stop imposto dalla pandemia, con lo sport che ha potuto andare avanti solo a singhiozzo. “Speriamo che questo ennesimo inizio dell'attività sportiva sia la volta buona e definitiva. Consapevoli della difficile situazione siamo pronti a ripartire con gli stessi accorgimenti ed attenzioni con le quali abbiamo fatto attività fino a quando è stato possibile. – Sono le parole affidate a Fecebook da mister Giappesi - Siamo fiduciosi e sicuri che i tanti sacrifici che hanno fatto i nostri ragazzi, tenuti lontani dallo sport, saranno una spinta in più per tornare in palestra, ancor più carichi e entusiasti. Gli impegni sportivi in questa stagione saranno caratterizzati ed organizzati in maniera diversa. Ma questo è un aspetto che prenderemo in considerazione solo in un secondo momento, quando verranno comunicati formule di svolgimento e calendari dei vari tornei giovanili ai quali parteciperemo.
La cosa più importante, in questo momento, è ripartire. Riportare i nostri ragazzi a praticare il loro sport preferito, in un ambiente sano e sicuro, seguiti in maniera corretta e qualificata, con la consapevolezza e la certezza che lo sport è e debba essere ancor di più, strumento di crescita e di maturazione dei nostri ragazzi".

Logo rgu.jpg

di Simone Lini

Aggiungi un commento