13.3 C
Foligno
sabato, Maggio 25, 2024
HomeCulturaArca del Mediterraneo, una serata con la testimonianza di due donne palestinesi

Arca del Mediterraneo, una serata con la testimonianza di due donne palestinesi

Pubblicato il 25 Marzo 2016 13:39 - Modificato il 5 Settembre 2023 20:59

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Erbe medicamentose e “stregoneria” al Convito medievale di Bevagna

In attesa dell’appuntamento di giugno con il Mercato delle Gaite, sabato 25 maggio, in occasione del banchetto annuale, tra pietanze, musiche, spettacoli e costumi, il borgo bevanate riporterà in vita le tradizioni e gli usi tipici dell’epoca

Foligno, dovrà scontare 17 anni anni di carcere per rapina, estorsione e spaccio

Un 45enne era in prova ai servizi sociali, ma il nuovo provvedimento del magistrato di sorveglianza ha imposto la detenzione a Capanne. A rintracciare l'uomo gli agenti del commissariato

Tutti in sella! A Verchiano torna la Rampicorno

Domenica 26 maggio l'appuntamento con la quinta edizione del cicloraduno non agonistico di mountain bike. Tre i percorsi previsti e studiati per permettere a tutti di vivere una giornata di sport e allegria

Nuova iniziativa per l’Arca del Mediterraneo. Una delle “braccia” della Caritas di Foligno è pronta ad ospitare giovedì 31 marzo alle 19 nella propria taverna di via San Giovanni dell’Acqua una serata speciale per conoscere la storia del progetto dell’associazione Aowa (Association for woman action for training e Rehabilitation) di Ramallah, con le testimonianze di Asma Atrata e Hana Saleh. Le due donne sono arrivate in Umbria per un breve periodo di formazione. Il progetto “Donne di Palestina” è stato ideato e portato avanti dal 2008 da Ponte Solidale, cooperativa di commercio equo umbra in collaborazione con Aowa, con l’obiettivo di avviare un processo di emancipazione femminile sfruttando le potenzialità di un territorio in cui l’attività economica principale è l’agricoltura, attraverso la ricerca di produzioni innovative che utilizzino le abbondanti erbe aromatiche e officinali. Tutto questo, inserito nel difficile contesto di vita della Palestina, assume un significato ancora più grande. Dal 2008 è stata avviata la produzione di saponi all’olio di oliva che, entrando in relazione con Altromercato, realtà di commercio equo nazionale, ha portato alla vendita di questi prodotti in tutta Italia. A agosto 2015 un nuovo step del progetto in collaborazione con Liberomondo: dopo l’invio dell’attrezzatura a Jenin, è stata realizzata una missione di formazione che porterà all’estrazione di oli essenziali che verranno utilizzati per la produzione di saponi e aromaterapia. Un’esperienza di cooperazione volta a esaltare le ricchezze umane e territoriali in un contesto di violazione dei diritti umani ignorato dalla gran parte dell’opinione pubblica mondiale. “Siamo davvero felici di incontrare questa realtà nella nostra Taverna del Mediterraneo”- ha dichiarato Mauro Masciotti, direttore della Caritas diocesana di Foligno e presidente de L’Arca del Mediterraneo – in quanto da anni portiamo avanti progetti di cooperazione internazionale in diverse parti del mondo e speriamo che questa possa essere un’occasione di condivisione, scambio e magari per realizzare nuovi progetti anche in collaborazione con Ponte Solidale”. Il 31 marzo dalle 19 l’incontro e la testimonianza dei rappresentanti delle due associazioni, proiezione del documentario “Essenze di libertà” realizzato nell’ultimo viaggio a agosto 2015, aperitivo con prodotti tipici palestinesi e esecuzione di brani musicali con il pianista Khalid Shomali, autore de “The Palestinian March”. L’ingresso è gratuito. Info: 0742 357337 Facebook: L’Arca del Mediterraneo.

Articoli correlati