12.4 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeEconomiaFils, la Uil risponde a Mismetti: “Legge Madia? Un salto nel buio”

Fils, la Uil risponde a Mismetti: “Legge Madia? Un salto nel buio”

Pubblicato il 18 Marzo 2018 10:38

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Non si placa a Foligno il botta e risposta tra Uil Fpl e Comune sulla Fils. Dopo un periodo di silenzio, infatti, sindacato ed amministrazione sembrano essere tornati ai ferri corti. Mentre infatti il processo di liquidazione e l’esternalizzazione dei servizi a nuovi soggetti va avanti, almeno sulla carta, è scontro su quella che è ad oggi la soluzione migliore per i lavoratori interessati dalla vicenda. “Il fatto che le gare siano state espletate ed andate a buon fine – dicono da Uil Fpl – non significa che anche gli affidamenti veri e propri andranno a buon fine. Ed infatti è tutto bloccato”. Il riferimento è, in particolare, all’azienda che si è aggiudicata l’appalto per le manutenzioni stradali. “Il passaggio di consegne è in stallo da gennaio – denunciano dal sindacato di categoria – dal momento che Fils non è in grado di trasferire, insieme ai lavoratori, almeno una parte del Tfr e dei debiti che ha con i dipendenti. E da quanto afferma la ditta – sottolineano – l’affidamento potrà perfezionarsi solo se verrà trasferito un numero drasticamente inferiore di lavoratori rispetto ai nove previsti nel bando di gara”. Ma Uil Fpl torna anche a parlare dell’applicazione dell’articolo 25 del Decreto Madia (leggi qui), chiamando in causa l’incontro tra Regione, Comune e sindacati del 28 febbraio scorso. “In quell’occasione – spiegano – l’assessore regionale Antonio Bartolini ha confermato che il percorso delle liste ex art. 25 è nebuloso ed incerto. Non risulta che ci siano partecipate interessate a riassorbire il personale in eccedenza, pare ci siano partecipate che prevedono di effettuare assunzioni esterne senza attingimento dalle liste (il divieto di assunzione esterna, con priorità per chi è nelle liste, al momento, vale solo fino a giugno 2018)”. Insomma, per Uil Fpl, parafrasando le parole di Bartolini, si tratterebbe di “un totale salto nel buio”. Di fronte a tutto questo, il sindacato torna a chiedere “percorsi chiari e trasparenti, sia nell’individuazione del personale eccedente che nella possibilità di dare certezze ai lavoratori. Ci padri e madri di famiglia che non hanno alcuna intenzione di giocare alla roulette russa – è il monito – venendo inseriti in elenchi che non danno alcuna garanzia di ricollocazione in altre partecipate, e che chiedono soltanto – concludono – di mantenere un posto di lavoro, anche se fosse presso aziende private”.

Articoli correlati