13.3 C
Foligno
sabato, Maggio 25, 2024
HomeCronacaFoligno, sottrae 100mila euro all’assistita di 90 anni: avvocato nei guai

Foligno, sottrae 100mila euro all’assistita di 90 anni: avvocato nei guai

Pubblicato il 21 Gennaio 2020 12:03 - Modificato il 5 Settembre 2023 14:10

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Erbe medicamentose e “stregoneria” al Convito medievale di Bevagna

In attesa dell’appuntamento di giugno con il Mercato delle Gaite, sabato 25 maggio, in occasione del banchetto annuale, tra pietanze, musiche, spettacoli e costumi, il borgo bevanate riporterà in vita le tradizioni e gli usi tipici dell’epoca

Foligno, dovrà scontare 17 anni anni di carcere per rapina, estorsione e spaccio

Un 45enne era in prova ai servizi sociali, ma il nuovo provvedimento del magistrato di sorveglianza ha imposto la detenzione a Capanne. A rintracciare l'uomo gli agenti del commissariato

Tutti in sella! A Verchiano torna la Rampicorno

Domenica 26 maggio l'appuntamento con la quinta edizione del cicloraduno non agonistico di mountain bike. Tre i percorsi previsti e studiati per permettere a tutti di vivere una giornata di sport e allegria

Avrebbe approfittato delle precarie condizioni psicofisiche della sua assistita per impossessarsi dei suoi risparmi. Per questo motivo un avvocato folignate del Foro di Spoleto è stata denunciata dal Comando provinciale della guardia di finanza di Perugia.

L’accusa a carico della professionista è, infatti, di peculato. Secondo quanto reso noto dalle fiamme gialle, la donna avrebbe prelevato dai conti della sua assistita, un’anziana 90enne, più di 100mila euro senza giustificati motivi. Da qui, dunque, l’indagine che ha portato alla denuncia per peculato. Reato per il quale l’avvocato rischia ora fino a dieci anni e sei mesi di carcere, ma non solo. 

Per la donna potrebbe infatti scattare anche la radiazione dall’albo professionale, “anche in considerazione – spiegano dalla guardia di finanza – del particolare ruolo riconosciuto dall’ordinamento alla figura dell’amministratore di sostegno, istituita – sottolineano – al fine di tutelare le persone prive, in tutto o in parte, di autonomia nell’espletamento delle funzioni della vita quotidiana.

L’operazione, che evidenzia il carattere trasversale dell’attività delle fiamme gialle alle quali è demandata non solo la tutela del sistema fiscale ma più in generale la salvaguardia di tutti i diritti dei cittadini, è stata condotta dagli uomini della Compagnia di Foligno sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Spoleto.

Articoli correlati