28 C
Foligno
mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeAttualitàI sindaci della Valle Umbra fanno rete: “Vigileremo sulla riorganizzazione del San...

I sindaci della Valle Umbra fanno rete: “Vigileremo sulla riorganizzazione del San Giovanni Battista”

Pubblicato il 19 Giugno 2020 15:29 - Modificato il 5 Settembre 2023 13:39

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Esce di casa per andare a lavoro, ma non si presenta: si cerca Eleonora Quaglia

A segnalare la scomparsa della 38enne sono stati familiari e amici tramite i social. Mercoledì mattina sarebbe partita da Campello sul Clitunno per recarsi a Foligno, ma della giovane si sono perse le tracce

I colossi dell’aerospazio si incontrano a Londra: c’è anche l’Umbria

Diciannove le aziende del Cluster protagoniste in questi giorni del Farnborough International Airshow, una delle più importanti grandi fiere del comparto a livello mondiale. Tonti: “Orgogliosi di poter mostrare la qualità, competenza e tecnologia della nostra filiera”

Torna il Montelago Celtic Festival in versione ancora più green

La città celtica itinerante è pronta ad accogliere le migliaia di visitatori che ogni anno invadono i verdi altopiani a confine tra Marche e Umbria: un’iniziativa che si impegna ogni anno, sempre più, a ridurre l’impatto ambientale e portare il buon esempio

Appello unanime dei sindaci della Valle Umbra per l’ospedale di Foligno. In attesa della ripartenza di tutte le attività del San Giovanni Battista, infatti, i sindaci dei Comuni della zona sociale 8 lanciano un appello affinché la struttura di via Arcamone possa tornare subito a garantire tutti i servizi erogati prima dell’emergenza Coronavirus. 

A sottoscrivere la nota sono stati i primi cittadini di Foligno, Bevagna, Gualdo Cattaneo, Montefalco, Nocera Umbra, Sellano, Spello, Trevi e Valtopina. Per i sindaci dei nove Comuni, il San Giovanni Battista rappresenta, infatti, un “fondamentale punto di riferimento per un ampio bacino d’utenza”. “Oltre a fornire risposte complete ai cittadini della Valle Umbra – spiegano -, è anche un polo di attrazione per un’area più vasta grazie alla presenza di eccellenze di portata nazionale”.

Riconoscendo la professionalità e l’encomiabile lavoro di tutti gli operatori sanitari, che hanno permesso di superare il difficile periodo legato all’emergenza COVID- 19, i primi cittadini si dicono quindi pronti a “vigilare con attenzione affinché – sottolineano – la riorganizzazione delle procedure assicuri in tempi brevi, e non più rinviabili, quei servizi essenziali che devono essere garantiti ai cittadini senza il ricorso, per chi può, alla sanità privata”. 

 “L’emergenza Coronavirus – concludono – ha dimostrato l’importanza di poter contare su un sistema sanitario pubblico efficiente”. Per i nove i primi cittadini della Valle Umbra si tratta dell’occasione giusta “per pensare a un nuovo modello regionale in cui venga confermato e potenziato il ruolo centrale dell’ospedale di Foligno”.

Articoli correlati