29.6 C
Foligno
martedì, Giugno 18, 2024
HomeAttualitàQuintana, prove ufficiali segnate da tanti errori: percorso netto solo per due...

Quintana, prove ufficiali segnate da tanti errori: percorso netto solo per due binomi

Tra anelli mancati, bandierine abbattute e giri fuori tempo massimo, l’ultimo test prima ha messo a dura prova la maggior parte dei cavalieri in campo. A portare a termine la seconda tornata, valevole per l’ordine di partenza della Sfida, l'Ammanniti e La Mora

Pubblicato il 3 Giugno 2024 14:49 - Modificato il 4 Giugno 2024 10:18

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Foligno, indetta una nuova assemblea pubblica sulla Variante sud

L’incontro, a quattro giorni di distanza dall’appuntamento con il ballottaggio, sarà l’occasione per fare il punto sull’impatto sociale e ambientale di una delle infrastrutture più discusse in campagna elettorale. Invitati anche i due candidati sindaco

Centocinque anni per nonna Carolina

Nata a Taranto nel 1919, la signora Rubino vive a Foligno dal 1948, dove ha celebrato l’importante traguardo. Da 76 anni in città non ha mai perso il suo accento pugliese che gli è valso il soprannome di “Carolina del Sud”

Continui messaggi, chiamate e aggressioni alla ex: braccialetto elettronico per un 26enne

Esasperata dal comportamento del giovane sia durante la relazione che quando aveva deciso di interromperla, la donna ha chiesto aiuto agli agenti del Commissariato di Foligno. A carico dell’uomo il divieto di avvicinamento e di mettersi in contatto con la vittima

Prove ufficiali da dimenticare per la maggior parte dei binomi della Quintana, che domenica sera, alle 21, si sono ritrovati al Campo de li Giochi di via Nazario Sauro per l’ultimo test prima dell’appuntamento con la Giostra della Sfida del 15 giugno prossimo alla presenza di un numerosissimo pubblico. Se la prima tornata di prova si era conclusa con un percorso netto per otto cavalieri su dieci, la seconda non è stata altrettanto fortunata per i portacolori dei dieci rioni. Tra anelli mancati, bandierine abbattute e giri fuori tempo massimo, solo in due sono riusciti a concludere la tornata più importante senza errori. Si tratta del Gagliardo del Rione Ammanniti, Mattia Zannori, che in sella a Franceschina ha chiuso con un tempo di 54 secondi; e del Generoso de La Mora, Luca Morosini che, in duo con You are my boy, ha portato a casa un giro di giostra con tre anelli in lancia e un tempo di 55.02. Per loro, dunque, una seconda tornata senza sbavature: di fatto quella che – come previsto dalla novità introdotta lo scorso anno – dava la possibilità ai priori, una volta stilata la classifica, di scegliere i posti ancora liberi nell’ordine di partenza della Sfida.

E così, il primo a misurarsi con il dio Marte nell’appuntamento del 15 giugno sarà Mattia Zannori per l’Ammanniti, seguito da Luca Morosini per La Mora. Terzo a scendere sull’otto di gara sarà, invece, l’Animoso del Giotti, Riccardo Raponi (in sella a Daytona man ha chiuso la seconda tornata con un tempo di 54.78, mancando però il primo anello). Sarà, dunque, la volta del Croce Bianca con il debuttante Fedele, Lorenzo Savini, scelto dal rione del priore Andrea Ponti tra i partecipanti del Master cavalieri (in campo con Sopran Hadley ha fermato il cronometro sul tempo di 55.28, non centrando però il secondo anello); e dell’Ardito del Rione Badia, Lorenzo Melosso (seconda tornata affrontata in sella a Feel over the sea con un anello mancato, il primo, e un tempo do 55.43).

La tribuna palestra piena per le prove ufficiali

Toccherà poi all’Audace dello Spada, Tommaso Finestra, vincitore in carica (in sella a Romantic Walk ha terminato la seconda tornata con il tempo di 56.42, mancando il terzo anello). Settimo cavaliere in campo sarà il Pertinace del Rione Cassero: per Luca Innocenzi sarà un ritorno sulla pista folignate dopo lo stop di un anno imposto dal Daspo che gli era stato comminato dopo la rissa al Campo de li Giochi proprio in occasione delle prove ufficiali del 2023. Daspo che terminerà i suoi effetti a pochi giorni dalla Sfida, per cui a correre al suo posto in occasione delle prove ufficiali di domenica è stato il plurivittorioso Simone Bocci (insieme a Indra Down ha concluso la tornata decisiva abbattendo due bandierine e non centrando due anelli, portando a casa il tempo di 57.39).

A chiudere i Rioni Morlupo, Pugilli e Contrastanga, i più penalizzati dalla seconda tornata. Per il Baldo, Mario Cavallari (l’altro esordiente di questa Giostra, ndr), in sella a Miss Baker, un giro di giostra chiuso a 55.72 ma non riuscendo a centrare nessuno dei tre anelli. Stessa sorte anche per il Moro del Pugilli, Raul Spera in duo con Iakin, che ha chiuso a 55.73. Infine, il veterano Daniele Scarponi. Il Furente di Contrastanga, in sella a Temesvar, era riuscito a chiudere la seconda tornata con tre anelli in lancia, ma fatali gli sono stati gli ultimi metri di tracciato: dopo aver perso una staffa, il cavaliere è incappato in un errore di percorso che, anche se rettificato, gli ha reso nulla la tornata perché conclusa fuori tempo massimo (1.22.73). Questo, dunque, il bilancio delle prove ufficiali, che rendono quanto mai incerti i pronostici in vista della Sfida di metà giugno. 

ORDINE DI PARTENZA PER LA GIOSTRA DELLA SFIDA:

Rione Ammanniti

Rione La Mora

Rione Giotti

Rione Croce Bianca

Rione Badia

Rione Spada

Rione Cassero

Rione Morlupo

Rione Pugilli

Rione Contrastanga

Articoli correlati