Lutto nel mondo della musica, si è spento Mario Guidi

Storico manager, conosciutissimo ed apprezzato nel mondo jazz, era il papà del pianista Giovanni. Numerosi i messaggi di cordoglio

Mario Guidi con suo figlio Giovanni

Lutto nel mondo del jazz. Nelle scorse ore si è spento Mario Guidi, storico manager e papà di Giovanni, talentuoso pianista di Foligno. E proprio nella città della Quintana si è spento Mario Guidi, dopo una vita in cui è stato amato per le sue doti e qualità prima di tutto umane e successivamente musicali. Per molti anni Mario Guidi è stato il manager di Stefano Bollani e tutt'ora lo era di Enrico Rava, oltre che del figlio Giovanni. Tantissimi, in queste ore, i messaggi di cordoglio. Lo storico manager del jazz per molti era considerato un vero e proprio pioniere di questo genere musicale in Italia. Ad annunciare la sua scomparsa è stato Giovanni Guidi, attraverso un post sulla sua pagina Facebook. “Questa mattina papà se ne è andato – ha scritto il figlio sui social -. E' stata una grande sorpresa. Ma a pensarci bene, non potevamo che essere tutti certi che sarebbe riuscito a non soffrire per niente! Esattamente come desiderava”. Messaggio di cordoglio anche da parte di Umbra Jazz. “Le note di Umbria Jazz Winter – si legge in un post pubblicato dal festival – lo accompagneranno nel suo ultimo viaggio”. Infiniti i messaggi che arrivano dal mondo della musica e dai suoi amici. Come quello dell'artista e grande amico Enrico Rava: “Qualcosa – scrive su Facebook Rava – che non avrei mai voluto dover scrivere: Mario Guidi se n'è andato. Da più di trent'anni, mio collaboratore indispensabile e geniale e mio carissimo amico. Non ho parole per esprimere la mia gratitudine nei suoi confronti”. Un pensiero nei confronti di Mario Guidi è arrivato anche da parte del musicista Paolo Fresu, presidente della Federazione nazionale de “Il Jazz Italiano”. I funerali di Mario Guidi si svolgeranno domenica 29 dicembre alle 15.30 nella chiesa della frazione di Sterpete, a Foligno.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento