29.9 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeAttualitàTrevi, è Rita Calabria il volontario dell'anno 2014

Trevi, è Rita Calabria il volontario dell’anno 2014

Pubblicato il 22 Dicembre 2014 15:14 - Modificato il 6 Settembre 2023 01:21

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ai domiciliari per spaccio di droga, evade: 21enne portato in carcere 

Inasprimento della misura cautelare per un giovane straniero che non ha rispettato il provvedimento a suo carico. Beccato in giro dagli agenti del Commissariato di Foligno, è stato deferito all’autorità giudiziaria: per il ragazzo si sono spalancate le porte di Maiano

Svincolo di Scopoli, Quadrilatero approva progetto definitivo. Melasecche ironico: “Storia da film”

La ricerca di ordigni bellici e di reperti archeologici si è conclusa positivamente, dando esito negativo. Prima del progetto esecutivo mancano ancora dei passaggi burocratici e, nel frattempo, l'assessore regionale punzecchia il centrosinistra

Montefalco perde un medico di base. Il Comune scrive all’Usl 2: “Disagi per i cittadini”

In una nota diffusa sui social, l'amministrazione interviene sulla fine della convenzione con il dottor Massimo Pucci. I dottori presenti nel borgo non riuscirebbero a coprire i pazienti rimasti “scoperti”

E’ Rita Calabria il volontario dell’anno 2014 di Trevi . Un premio ad hoc che calza a pennello alla poliedrica figura di Rita Calabria. Un simbolico riconoscimento, promosso dall’assessorato alle politiche sociali retto da Roberto Venturini, per ringraziare l’attiva trevana del grande patrimonio costituito con il suo modus operandi nell’entourage delle attività di volontariato. Costante ed assiduo impegno, tenace determinazione nella pluriennale promozione ed animazione di iniziative di carattere socio- culturale a titolo individuale ed in qualità di rappresentante dell’associazione Pro Trevi: queste alcune delle principali motivazioni che hanno decretato il conferimento del premio volontario annata 2014 a Rita Calabria. Menzioni speciali sono state assegnate a Mario Battistini, molto attivo nell’Unitalsi, per il suo impegno in favore dei disabili e a Bruno Partenzi per la sua opera di volontario prestata ininterrottamente negli anni all’interno dell’Avis e della protezione civile. A conquistare il premio per la sezione scuola “Dare una mano colora la vita” è stata la classe V B della scuola primaria di Trevi. Il pubblico delle grandi occasioni ha accolto l’iniziativa che il comune di Trevi promuove oramai da otto anni per celebrare la giornata mondiale del volontariato, dando pubblica estimazione a tutti coloro che si prodigano gratuitamente e liberamente per la collettività.  “Un premio simbolico, ma dall’alto valore etico” ha spiegato il sindaco Bernardino Sperandio. Parole di elogio sono state espresse da Carla Casciari, vice presidente della regione Umbria, che ha encomiato l’iniziativa come “una preziosa occasione per valorizzare la silenziosa opera dei tanti che dedicano parte della loro vita al sostegno del prossimo e della comunità in cui vivono rendendola migliore. Tra i presenti anche l’assessore alle politiche sociali di Trevi Roberto Venturini, il responsabile dei servizi sociali Rediano Busciantella Ricci, la dirigente scolastica Simona Perugini, il parroco di Trevi Don Marco Rufini e Franco Spellani. L’evento, condotto da Diletta Masetti, si è chiuso con l’esibizione dell’orchestra dell’indirizzo musicale dell’istituto Tommaso Valenti che ha magistralmente fatto da sfondo al tradizionale scambio di auguri.

 

Articoli correlati