29.9 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeAttualitàSpoleto, gli studi di Alberto Patriti sul "The world journal of surgery"

Spoleto, gli studi di Alberto Patriti sul “The world journal of surgery”

Pubblicato il 13 Aprile 2015 17:05 - Modificato il 6 Settembre 2023 00:27

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ai domiciliari per spaccio di droga, evade: 21enne portato in carcere 

Inasprimento della misura cautelare per un giovane straniero che non ha rispettato il provvedimento a suo carico. Beccato in giro dagli agenti del Commissariato di Foligno, è stato deferito all’autorità giudiziaria: per il ragazzo si sono spalancate le porte di Maiano

Svincolo di Scopoli, Quadrilatero approva progetto definitivo. Melasecche ironico: “Storia da film”

La ricerca di ordigni bellici e di reperti archeologici si è conclusa positivamente, dando esito negativo. Prima del progetto esecutivo mancano ancora dei passaggi burocratici e, nel frattempo, l'assessore regionale punzecchia il centrosinistra

Montefalco perde un medico di base. Il Comune scrive all’Usl 2: “Disagi per i cittadini”

In una nota diffusa sui social, l'amministrazione interviene sulla fine della convenzione con il dottor Massimo Pucci. I dottori presenti nel borgo non riuscirebbero a coprire i pazienti rimasti “scoperti”

A Spoleto novità importanti nell’ambito della ricerca scientifica. E’ stata infatti pubblicata dalla prestigiosa rivista internazionale “The world journal of surgery” lo studio in merito alla rimozione delle metastasi tumorali epatiche, condotto dal dottor Alberto Patriti del reparto di chirurgia dell’ospedale di Spoleto, in collaborazione con i grandi centri di chirurgia francesi, americani, coreani, giapponesi ed italiani. Nello specifico la pubblicazione affronta la possibilità di rimuovere, con la chirurgia laparoscopica, i tumori del colon-retto e le metastasi epatiche presenti in circa il 30 per cento dei pazienti affetti da questi tipo di tumori. Tecniche un tempo invasive e dalle tempistiche lunghe che oggi risultano, grazie a questa nuova scoperta, possibili ed efficaci in tempi più brevi. Un settore, quello della chirurgia mininvasiva, laparoscopica e robotica, che ha cominciato a muovere i suoi primi passi a Spoleto negli anni 2000, fino ad arrivare agli attuali e prestigiosi livelli di competitività di carattere internazionale. Questa pubblicazione risulta essere il prezioso risultato di anni di lavoro e sperimentazione che consente alla sanità umbra di affermarsi come una realtà efficiente e positiva, in grado di confrontarsi  e collaborare alla pari con sistemi sanitari di comprovato valore, sia su scala nazionale che internazionale.

Articoli correlati