12.9 C
Foligno
sabato, Maggio 18, 2024
HomeAttualitàEx Ferrovia Spoleto-Norcia, oltre duemila visitatori nei primi mesi del 2015

Ex Ferrovia Spoleto-Norcia, oltre duemila visitatori nei primi mesi del 2015

Pubblicato il 26 Giugno 2015 17:19 - Modificato il 5 Settembre 2023 23:45

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Terzo polo Foligno-Spoleto, il ministro: “Razionalizzazione fondamentale”

Il titolare alla Sanità, Orazio Schillaci, ha visitato alcune strutture sanitarie dell'Umbria: il tuor ha riguardato in particolar modo il “San Giovanni Battista” e il “San Matteo degli Infermi”. Nella città Ducale contestazione all'esterno dell'ospedale

L’Acf Foligno fa chiarezza sull’accordo con il Foligno Calcio e guarda al futuro: “Idee chiarissime”

In una conferenza stampa, il presidente Paolo Zoppi ha risposto al numero uno dei Falchetti, che pochi giorni fa aveva annunciato di non voler “lasciare” la sua società a quella appena approdata in serie D

Conte a Foligno: “Abbiamo bisogno di amministratori locali che facciano il bene comune”

Venerdì mattina l’arrivo in città per sostenere la candidatura a sindaco di Mauro Masciotti per la coalizione progressista. Dal presidente del Movimento 5 stelle l’appello ad andare a votare: “L’astensionismo fa male perché lascia prosperare certa politica”

Numeri importanti per l’ex Ferrovia Spoleto-Norcia. Nei primi sei mesi del 2015, infatti, oltre duemila persone hanno visitato il museo ed il plastico della ferrovia al capolinea di Spoleto. Mentre prosegue il programma di recupero e valorizzazione della ex Ferrovia. A comunicarlo è Umbria Mobilità spa, che sottolinea anche che “all’interno del finanziamento regionale Piat, a breve affiderà i lavori di messa in sicurezza resisi necessari per eventi franosi dei versanti ex ferroviari”. In particolare, il tratto maggiormente interessato è quello non ancora aperto Piedipaterno-Borgo Cerreto, di circa sette chilometri. Altri interventi minori invece inizieranno entro la stagione. “Nel frattempo – dichiarano – sui sette chilometri del tratto Piedipaterno-Borgo Cerreto è stato completamente ristrutturato il fondo”. Un intervento questo di oltre centomila euro, a costo zero per le casse pubbliche, grazie ad un accordo tra Umbria Mobilità e la società che ha messo in opera i cavidotti delle fibre ottiche. Al termine dei lavori della variante del Piat dal museo di Spoleto a Volpetti saranno quindi percorribili ben 37 chilometri consecutivi, oltre ai quasi sette del tratto Serravalle-Norcia. Il recupero del quinto tratto, Volpetti-Serravalle, fa invece parte dell’attività patrimoniale e progettuale di Umbria Mobilità e Regione, che dovrà coinvolgere Anas, oltre ai comuni di Norcia e Santa Anatolia. La società concessionaria del percorso di mobilità dolce intanto ha avviato le attività di manutenzione del verde e del fondo, per garantire la continuità della fruizione dei 34 chilometri già aperti, sia per i numerosi visitatori – che a piedi, a cavallo o in bicicletta percorrono quotidianamente la ex linea – che per lo svolgimento degli eventi sportivi programmati. Ulteriori notizie ed aggiornamenti sull’avanzamento dei lavori, accessibilità e visite al museo ed al plastico della ferrovia sono disponibili sul sito www.umbriamobilita.it.

Articoli correlati