12.4 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronacaEventi e "movida", a Foligno più sicurezza con transenne antipanico e telecamere

Eventi e “movida”, a Foligno più sicurezza con transenne antipanico e telecamere

Pubblicato il 23 Novembre 2017 16:51

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Le nuove norme di sicurezza, imposte in occasione degli ultimi eventi, sono state solo l’inizio di un percorso più articolato che l’amministrazione folignate ha deciso di intraprendere. L’obiettivo per Foligno, così come per qualsiasi altra città italiana, è infatti oggi quello di evitare un’altra Piazza Castello. Ecco perché il Comune di Foligno, che comunque può vantare eventi tutto l’anno e una movida che richiama in centro persone da tutta la regione, ha deciso di aderire al bando regionale per il “Progetto sicurezza per la comunità locale annualità 2017/2018”. E lo ha fatto approvando un piano d’azione da 118mila euro, di cui 68mila euro tra stanziamenti di bilancio 2017 e 2018 e la restante parte che dovrebbe arrivare direttamente da palazzo Donini, in virtù di un contributo regionale a finanziamento dei progetti fino al 70 per cento della spesa prevista, non superiore comunque a 50mila euro. Tre le azioni previste dal progetto sicurezza. La prima fa riferimento all’acquisto di transenne antipanico da utilizzare per l’organizzazione di manifestazioni. Il secondo step riguarda, invece, l’installazione di telecamere per il monitoraggio della città, implementando così l’attuale sistema di videosorveglianza che consta di 38 telecamere. Una ventina quelle che si andrebbero ad aggiungere, di cui tre in via Gramsci. Laddove, si legge nel documento approvato dalla giunta Mismetti, “più concentrata è l’attività della ‘movida’”. Il riferimento è, dunque, a largo Frezzi, sulla facciata di palazzo Candiotti con vista su via Gramsci, a palazzo Nuti-Deli a copertura di tutta piazza Don Minzoni e su palazzo Trinci in direzione sempre di via Gramsci. A questi tre impianti se ne andranno poi ad aggiungere degli altri in quelle zone del centro storico folignate non ancora monitorate. Terzo e ultima fase, la realizzazione di un collegamento in fibra ottica tra la caserma della polizia municipale e quella dei carabinieri. In questo modo, si legge nel piano predisposto, troverebbero accoglimento anche le continue sollecitazioni dell’attuale capitano della compagnia folignate, con gli incaricati dell’Arma che potrebbero visualizzare ed estrapolare direttamente le immagini registrate dagli occhi elettronici. 

Articoli correlati