24.7 C
Foligno
giovedì, Luglio 25, 2024
HomeCronacaEggi, posta la prima pietra della nuova scuola nel ricordo di Cardarelli

Eggi, posta la prima pietra della nuova scuola nel ricordo di Cardarelli

Pubblicato il 30 Gennaio 2018 15:22

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Esce di casa per andare a lavoro, ma non si presenta: si cerca Eleonora Quaglia

A segnalare la scomparsa della 38enne sono stati familiari e amici tramite i social. Mercoledì mattina sarebbe partita da Campello sul Clitunno per recarsi a Foligno, ma della giovane si sono perse le tracce

I colossi dell’aerospazio si incontrano a Londra: c’è anche l’Umbria

Diciannove le aziende del Cluster protagoniste in questi giorni del Farnborough International Airshow, una delle più importanti grandi fiere del comparto a livello mondiale. Tonti: “Orgogliosi di poter mostrare la qualità, competenza e tecnologia della nostra filiera”

Torna il Montelago Celtic Festival in versione ancora più green

La città celtica itinerante è pronta ad accogliere le migliaia di visitatori che ogni anno invadono i verdi altopiani a confine tra Marche e Umbria: un’iniziativa che si impegna ogni anno, sempre più, a ridurre l’impatto ambientale e portare il buon esempio

La prima pietra è stata posta. E simbolicamente lo hanno fatto anche i piccoli alunni della frazione spoletina di Eggi, che presto potranno tornare ad avere una scuola. Il merito è della Fondazione Francesca Rava – Nph Italia Onlus, che realizzerà la nuova struttura, che andrà ad ospitare la scuola dell’infanzia. L’immobile, completamente antisismico, verrà costruito con materiali e tecnologie di ultima generazione e sarà dotato di impianti energetici di riscaldamento a ridotto impatto ambientale. I nuovi moduli accoglieranno un ufficio segreteria, due classi, un’aula comune, uno spogliatoio, una cucinetta e vari servizi. I primi lavori avviati nella giornata di ieri, lunedì 30 gennaio, riguarderanno lo scavo, la preparazione delle superfici e dei necessari allacci. A seguire, le operazioni di montaggio in loco dei moduli. La durata degli interventi, condizioni meteo permettendo, è stimata in cinque settimane per le opere di fondazione e di 65 giorni per la realizzazione dell’edificio. Il valore dei beni che saranno donati al Comune di Spoleto è stimato in 260mila euro, ai quali si aggiungeranno altri 120mila euro di lavori, necessari per le opere di urbanizzazione e di allaccio e per l’utilizzo di specifiche competenze tecniche richieste, i cui costi saranno sostenuti dal Comune. “Oggi, con l’aiuto dei nostri donatori alcuni dei quali qui presenti – ha detto la presidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, Maria Vittoria Rava – compiamo un nuovo passo in avanti nell’impegno per i bambini colpiti dal terremoto del Centro Italia, dopo le 6 scuole già consegnate ad Arquata del Tronto, Norcia, Cascia”. Ad intervenire alla posa della prima pietra, avvenuta ieri, anche il vicesindaco di Spoleto, Maria. A Maria Elena Bececco e a Maria Vittoria Rava i piccoli alunni hanno consegnato i disegni realizzati per festeggiare l’inizio dei lavori per la realizzazione della nuova scuola. Presenti anche l’assessore regionale Luca Barberini, la dirigente scolastica Norma Proietti, e la vicepresidente della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus Maria Chiara Roti. Nel corso della cerimonia è stato anche ricordato il sindaco Fabrizio Cardarelli, che aveva fortemente voluto questa scuola e che aveva seguito personalmente il dossier fino alla sua scomparsa. I piccoli alunni di Eggi – lo ricordiamo – sono attualmente ospitati in un immobile di proprietà della Curia a San Giacomo di Spoleto, dopo la dichiarazione di inagibilità del novembre 2016 a seguito degli eventi sismici che hanno colpito il Centro Italia.

Articoli correlati