11.3 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeCronacaFoligno, sui parcometri vincono le difficoltà: ora non è più obbligatorio mettere...

Foligno, sui parcometri vincono le difficoltà: ora non è più obbligatorio mettere la targa

Pubblicato il 17 Febbraio 2018 10:21

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

A distanza di poco più di due mesi dall’entrata in vigore dei nuovi parcometri, il Comune di Foligno è costretto ad un passo indietro. Le problematiche sollevate dai cittadini, che in queste settimane hanno usufruito del servizio, hanno infatti spinto gli uffici comunali ad apportare alcune modifiche. Un cambio di passo da 6mila euro per Palazzo Orfini Podestà, che ha così dovuto aggiustare il tiro. La novità principale riguarda la possibilità per l’utente di usufruire o meno della mezz’ora gratuita. Chi vorrà approfittare dei primi trenta minuti gratis di sosta dovrà inserire la targa del mezzo. Diversamente, chi non vorrà usufruirne potrà procedere con la stampa del ticket senza dover digitare il numero di targa sull’apparecchio. Il riferimento al veicolo serve, infatti, per l’inserimento dell’auto in una sorta di “black list”. Sì, perché l’accesso alla mezz’ora gratuita è consentito solo una volta nell’arco della stessa giornata e così continuerà ad essere anche in futuro. E sono stati proprio gli stessi cittadini a sollevare la necessità di poter liberamente scegliere se usufruire o meno dei trenta minuti gratis. Decidendo, così, liberamente se e quando sostare senza pagare la prima mezz’ora. Precedentemente, infatti, le mezz’ora gratuita scattava automaticamente alla prima sosta effettuata dall’utente. Così come delle altre problematiche sono state evidenziate tra gli automobilisti più anziani, lamentando difficoltà nel procedere all’inserimento della targa del proprio veicolo. Dopo una prima sperimentazione durata  all’incirca 60 giorni, quindi, ora si procederà con le nuove disposizioni. Resta solo da capire se il modello adottato con quest’ultima delibera della giunta comunale sarà quello definitivo o se, dopo un prima fase di rodaggio, occorrerà aggiustare nuovamente il tiro. 

Articoli correlati