5.7 C
Foligno
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeAttualitàPer la Festa della donna all'ospedale di Foligno visite senologiche gratuite

Per la Festa della donna all’ospedale di Foligno visite senologiche gratuite

Pubblicato il 2 Marzo 2018 13:55

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Firenze, si conclude l’era Betori: il nuovo arcivescovo è don Gherardo Gambelli

Dopo aver accettato la rinuncia al governo pastorale del cardinale folignate, Papa Francesco ha nominato il suo successore: 55 anni, dal 2011 al 2022 è stato missionario in Ciad. Lo scorso anno il ritorno nel capoluogo toscano come parroco della Madonna della Tosse

“Evento politico” nella sede di Sviluppumbria: Pd e M5S insorgono

I “dem” Meloni e Bori pronti a depositare un’interrogazione in Regione sull’incontro dedicato alla tutela del “made in Italy” promosso da Fratelli d’Italia. A far sentire la propria voce anche il pentastellato De Luca: “Grave sbavatura istituzionale”

Dal Mic quasi 3,5 milioni per l’Umbria: ci sono anche Cannara e Spello

Il Piano triennale per le opere pubbliche interesserà in Umbria ventinove interventi. Dai musei all'archeologia, i fondi non saranno però destinati alle biblioteche

Visite senologiche gratuite, a Foligno, per la Festa della donna. Un’idea nata da Diana Spaccini, responsabile dell’Afam 5 di Sportella Marini, e subito sposata dalla partecipata folignate che gestisce le farmacie comunali, dall’associazione Donne Insieme e dall’Usl Umbria 2. Più soggetti che hanno deciso di fare fronte comune nella prevenzione del carcinoma mammario, che negli ultimi tempi sta facendo registrare sempre più casi non solo nelle donne in età adulta, ma anche tra le più giovani, interessando anche ragazze al di sotto dei 30 anni. Ecco perché la prevenzione viene prima di tutto, “perché – come spiegato da Annarita Pontani e Mariarita Timi, dell’associazione Donne Insieme – riuscire ad intervenire per tempo è necessario e fondamentale”. Da qui, l’invito alle donne a prendersi cura di se stesse, partendo proprio dall’iniziativa messa in cantiere in occasione della Festa della donna. Giovedì 8 e venerdì 9 marzo, infatti, sarà possibile prenotare all’interno delle cinque farmacie gestite dall’Afam le visite gratuite che verranno poi effettuate, sabato 10 marzo, al Centro di diagnostica senologica dell’ospedale San Giovanni Battista di Foligno, diretto da Riccardo Loretoni con la collaborazione dottoresse Francesca Paloni e Marina Lillocci. “Quest’anno – hanno detto Annarita  Pontani e Mariarita Timi – abbiamo deciso di omaggiare la donna in maniera completamente diversa da quanto viene solitamente fatto. La nostra mission è infatti quella di sostenere la donna nel corso della malattia ma anche di informarla e sensibilizzarla, attraverso varie iniziative compresi seminari e convegni. Oltre, ovviamente, a promuovere corretti stili di vita e momenti di condivisione con corsi di ricamo o pittura e gite organizzate”. “Quando ci è stata proposta questa iniziativa – ha spiegato Gianluca Matilli, amministratore unico di Afam – insieme all’assessore Elia Sigismondi abbiamo detto subito di sì, perché la riteniamo un’esperienza importante da fare per le donne in quella che è una data simbolo. Senza dimenticare, poi, che l’Afam è una società prettamente ‘rosa’, dal momento che 22 dei 28 dipendenti presenti sono donne”. Nel corso della presentazione dell’evento è stata inoltre sottolineata l’importanza di sensibilizzare i medici di famiglia, affinché si facciano portavoce tra le pazienti del rischio di imbattersi nel carcinoma mammario e della necessità di fare prevenzione, ma non solo. Tra i progetti futuri, su cui l’Afam sta ragionando, anche la possibilità che le stesse farmacie possano dotarsi di strutture attrezzate per visite ed ecografie a prezzi calmierati, anche per andare incontro alle esigenze di quelle famiglie che vivono situazioni di disagio. Intanto all’iniziativa, che si terrà la prossima settimana, è andato il plauso dell’amministrazione folignate, ed in particolare del vicesindaco ed assessore alle politiche di genere, Rita Barbetti, e dell’assessore alle politiche sociali, Maura Franquillo. 

Articoli correlati