12.4 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSportNocera Umbra, è nata una stella della danza: Andrea Riboloni fa il...

Nocera Umbra, è nata una stella della danza: Andrea Riboloni fa il pieno di successi

Pubblicato il 15 Marzo 2018 09:36

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Appena cominciata è già ricca di soddisfazioni la carriera nella danza di Andrea Riboloni. Il giovane nocerino viene da una famiglia da sempre molto legata a questo mondo, ma il suo ingresso in questa nuova vita avviene quasi per caso. Il nonno di Andrea suonava l’organetto e suoi genitori ballano, così, pure lui inizia a farlo per divertimento alla sagre estive di paese. Proprio durante uno di questi eventi, circa due anni fa, incontra due maestri di ballo, Roberto Straccini e Marisa Peppoloni. Molti i complimenti ricevuti dalla maestra che, vedendolo così a suo agio, gli chiede se avesse già frequentato una scuola. Andrea decide, così, di cominciare a lavorare sulle proprie abilità ed inizia a farsi allenare dai due competenti insegnanti. Muove i suoi i primi passi da danzatore nei locali del Cecuris, nella sua Nocera Umbra, iniziando ad esprimersi a livello amatoriale, allenandosi il giovedì sera. Straccini e la Peppoloni, a quel punto, notano ancor di più le sue qualità e decidono di trovargli una ballerina con la quale fare coppia. La scelta cade su Angelica Boriosi, di Città di Castello, una ragazza che ha cominciato a ballare già da tempo. Andrea è, inizialmente, indietro rispetto a lei e nell’estate del 2017 si fa dare lezioni di tecnica dalla propria maestra per esser pronto a competere a livello agonistico. Da settembre inizia ad andare a lezione a Bevagna, alla Dance School Number One, due volte a settimana. Ogni martedì e venerdì, sotto la supervisione di Straccini e della Peppoloni, si allena per circa due ore e mezza per prepararsi al meglio. Andrea si avvicina al debutto, che avviene nella gara del 3 dicembre 2017 a Velletri. Molta l’ansia prima di cominciare la performance, ma appena inizia a danzare tutto sparisce e il risultato è un ottimo secondo posto. Stesso risultato nella gara di Jesi dell’8 dicembre, solo 5 giorni dopo. Medesimo posizionamento, anche, l’11 febbraio a Prato. Ottimi risultati fin da subito, dunque, ma manca il gradino più alto del podio. Il primo posto arriva il 18 febbraio di quest’anno, nella Coppa Regionale Umbria al PalaPaternesi di Foligno, nella classe C categoria 19/34. Risultati che ripagano gli sforzi di Andrea nel migliorarsi, con tanti allenamenti per correggere la tecnica. Non c’è spazio per il riposo per il giovane ballerino nocerino che il 18 marzo, sempre a Foligno, parteciperà al Campionato Regionale, una competizione di grande prestigio. “Questa entrata nel mondo della danza mi ha cambiato la vita – afferma a Rgu Andrea Riboloni – ho conosciuto nuove persone, nuovi amici. Abbiamo creato un gruppo molto coeso, ci troviamo molto bene assieme. Nel ballo ho trovato una nuova famiglia. Nella nostra scuola ci sono danzatori di classi superiori, ma c’è grande umiltà. Sai che nessuno ti giudica per ciò che fai e per il tuo livello. Sono molto soddisfatto – prosegue Andrea – e spero di continuare ed ottenere altri primi posti e fare il massimo per migliorarmi. Credo di essere una persona molta insicura, ma nella danza questa cosa si annulla completamente. Riesco ad esprimere me stesso, quello che io sento, e riesco ad essere la persona che io sono, senza pensare al parere degli altri. La danza crea in me una realtà parallela – conclude Andrea – che mi consente di estraniarmi dal mondo reale per entrare in quello della danza stessa e dimostrare agli altri la vera persona che sono, dimostrando a me stesso ciò che posso fare, senza sentirmi giudicato. Rendendomi libero”.

Articoli correlati