12.9 C
Foligno
sabato, Maggio 18, 2024
HomeCronacaEstate, a Foligno anche i bagni pubblici vanno in vacanza

Estate, a Foligno anche i bagni pubblici vanno in vacanza

Pubblicato il 13 Luglio 2018 11:51 - Modificato il 5 Settembre 2023 15:52

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Terzo polo Foligno-Spoleto, il ministro: “Razionalizzazione fondamentale”

Il titolare alla Sanità, Orazio Schillaci, ha visitato alcune strutture sanitarie dell'Umbria: il tuor ha riguardato in particolar modo il “San Giovanni Battista” e il “San Matteo degli Infermi”. Nella città Ducale contestazione all'esterno dell'ospedale

L’Acf Foligno fa chiarezza sull’accordo con il Foligno Calcio e guarda al futuro: “Idee chiarissime”

In una conferenza stampa, il presidente Paolo Zoppi ha risposto al numero uno dei Falchetti, che pochi giorni fa aveva annunciato di non voler “lasciare” la sua società a quella appena approdata in serie D

Conte a Foligno: “Abbiamo bisogno di amministratori locali che facciano il bene comune”

Venerdì mattina l’arrivo in città per sostenere la candidatura a sindaco di Mauro Masciotti per la coalizione progressista. Dal presidente del Movimento 5 stelle l’appello ad andare a votare: “L’astensionismo fa male perché lascia prosperare certa politica”

Ci risiamo. I bagni pubblici del Parco dei Canapé sono di nuovo chiusi. Paradossale per una delle poche aree verdi rifugio estivo di anziani e famiglie, ma anche luogo d’attrazione e di ristoro per i tanti turisti che fortunatamente scelgono Foligno come meta estiva e non. Basti pensare che la città della Quintana è scrigno di un grande patrimonio artistico-culturale e quest’anno anche città Europea dello Sport 2018 e set cinematografico. Insomma, una città che ha alzato l’asticella, ma che purtroppo sembra avere ancora qualche carenza gestionale. Chi, infatti, non può usufruire dei bagni pubblici, è costretto nella migliore delle ipotesi ad entrare in un bar oppure ad ignorare la chiusura della struttura, come succede per i bagni di piazza della Repubblica. Le conseguenze non sono piacevoli: chi passa in via Pertichetti si imbatte inevitabilmente in un cattivo odore. Per questi motivi, proprio a luglio 2016, l’amministrazione comunale aveva deciso di riaprire sia i bagni pubblici dei Canapé che quelli di piazza della Repubblica. La questione da risolvere era quella di garantire una programmazione coerente che potesse permettere di usufruire del verde pubblico nei periodi in cui queste aree vengono prese d’assalto. Ma il capitolo resta aperto e la storia si ripete. Il rischio, però, è quello di lasciare abbandonate strutture che possono poi diventare bersaglio di episodi di degrado e di atti vandalici.

[scald=9917:sdl_editor_representation]

I bagni di via Pertichetti chiusi

Articoli correlati