18.2 C
Foligno
domenica, Maggio 26, 2024
HomePoliticaFoligno, Stefania Filipponi: “Che fine ha fatto il parcheggio di via Palombaro?”

Foligno, Stefania Filipponi: “Che fine ha fatto il parcheggio di via Palombaro?”

Pubblicato il 31 Agosto 2018 14:26 - Modificato il 5 Settembre 2023 15:43

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Via Flaminia Antica, scuole protagoniste

Il progetto ideato dal Club per l'Unesco di Foligno e Valle del Clitunno ha visto il coinvolgimento di tantissimi istituti del territorio, che hanno approfondito la storia della via di comunicazione romana

Quintana, ecco il palio della Sfida firmato da Mirabella

Il trentaseinne originario di Enna ha firmato il drappo presentato nel corso della Cena Grande e realizzato in collaborazione con Massimo Fiordiponti, storico quintanaro che ha curato la parte sartoriale

Foligno, aggredisce i poliziotti intervenuti per sedare la lite

La polizia ha arrestato un trentatreenne per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L'episdio è avvenuto nella serata di venerdì 24 maggio in un'abitazione del centro storico

Che fine ha fatto il parcheggio pubblico di via Palombaro? Se lo chiede la consigliera di Impegno civile, Stefania Filipponi richiamando la convenzione urbanistica relativa alla variante 2 del piano di lottizzazione dell’area compresa tra Via Marco Polo e Via del Palombaro, che all’articolo 12 stabiliva le sistemazioni delle aree scoperte al di fuori della zona UP/PDL per le quali é prevista la cessione gratuita al Comune. Convenzione approvata nel giugno del 2005 dalla massima assise cittadina e che prevedeva l’ampliamento della strada di Via Palombaro e dell’incrocio con via Marco Polo, la creazione di un percorso pedonale e la realizzazione di una zona di parcheggio. “In adempimento di quanto indicato nella convenzione – spiega a questo proposito l’esponente di minoranza – è stata realizzata anche la segnaletica orizzontale per gli spazi destinati a parcheggio, ma ancora, a distanza di anni, ne è impedito l’accesso ai cittadini”. Le superfici, infatti, secondo quanto riportato nell’interrogazione della consigliera di minoranza, “non risultano essere state cedute gratuitamente al Comune di Foligno, che deve acquisire l’area al proprio patrimonio”. Da qui la richiesta di Stefania Filipponi di conoscere le ragioni per cui l’amministrazione comunale, oggi guidata da Nando Mismetti, “non ha ancora preso in carico le aree private destinate ad uso pubblico” e se “il mancato adempimento di quanto previsto può determinare un danno per i cittadini e, in ipotesi, per l’erario comunale”.

Articoli correlati