29.9 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeAttualitàSpello, verso la fase finale la riqualificazione dell’area verde ed archeologica di...

Spello, verso la fase finale la riqualificazione dell’area verde ed archeologica di via Roma

Pubblicato il 25 Maggio 2021 17:09 - Modificato il 5 Settembre 2023 12:23

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ai domiciliari per spaccio di droga, evade: 21enne portato in carcere 

Inasprimento della misura cautelare per un giovane straniero che non ha rispettato il provvedimento a suo carico. Beccato in giro dagli agenti del Commissariato di Foligno, è stato deferito all’autorità giudiziaria: per il ragazzo si sono spalancate le porte di Maiano

Svincolo di Scopoli, Quadrilatero approva progetto definitivo. Melasecche ironico: “Storia da film”

La ricerca di ordigni bellici e di reperti archeologici si è conclusa positivamente, dando esito negativo. Prima del progetto esecutivo mancano ancora dei passaggi burocratici e, nel frattempo, l'assessore regionale punzecchia il centrosinistra

Montefalco perde un medico di base. Il Comune scrive all’Usl 2: “Disagi per i cittadini”

In una nota diffusa sui social, l'amministrazione interviene sulla fine della convenzione con il dottor Massimo Pucci. I dottori presenti nel borgo non riuscirebbero a coprire i pazienti rimasti “scoperti”

Sono in fase di completamento, a Spello, i lavori di riqualificazione dell’area verde e archeologica di via Roma. L’intervento, che rientra nell’ambito del secondo stralcio del Pir Centro storico, prevede la realizzazione di una zona verde, i marciapiedi in graniglia e una struttura prefabbricata a copertura dei mosaici che si trovano a ridosso delle mura urbiche.  I reperti di una domus romana, erano emersi proprio durante i lavori determinando un successivo slittamento degli stessi per permettere agli enti preposti le verifiche e le autorizzazioni del caso. “L’amministrazione comunale si è già attivata per la ricerca di fondi aggiuntivi per il restauro conservativo di un ulteriore tassello della sua storia,  i resti di un edificio  che conserva il pavimento musivo con decorazione geometrica in tessere bianche e rosse – commenta il sindaco Moreno Landrini – con questi lavori restituiamo alla città e ai turisti un’area completamente riqualificata e valorizzata”.

Articoli correlati