24.8 C
Foligno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCronacaAi domiciliari per stalking e minacce, viene trovato fuori casa e finisce...

Ai domiciliari per stalking e minacce, viene trovato fuori casa e finisce in carcere

Pubblicato il 29 Giugno 2022 10:59 - Modificato il 5 Settembre 2023 10:55

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Anziani allontanati dal comizio e identificati”: “giallo” sul comizio elettorale

Il fatto, che stando a quanto riportato da Uniamo Foligno sarebbe accaduo a Belfiore durante l'incontro elettorale del centrodestra, avrebbe riguardato due rappresentanti dell'Us Belfiore che chiedevano la sede per l'associazione: “Il sindaco condanni l'episodio”

Via Flaminia Antica, scuole protagoniste

Il progetto ideato dal Club per l'Unesco di Foligno e Valle del Clitunno ha visto il coinvolgimento di tantissimi istituti del territorio, che hanno approfondito la storia della via di comunicazione romana

Quintana, ecco il palio della Sfida firmato da Mirabella

Il trentaseinne originario di Enna ha firmato il drappo presentato nel corso della Cena Grande e realizzato in collaborazione con Massimo Fiordiponti, storico quintanaro che ha curato la parte sartoriale

Si sarebbe dovuto trovare nella propria abitazione. Lì, cioè, dove – da poco – scontava gli arresti domiciliari dopo esser stato condannato in via definitiva per i reati di stalking e minacce. Invece, l’uomo si era allontanato da casa, violando le prescrizioni che gli imponevano di non uscire arbitrariamente dalla propria abitazione. Violazione che, però, è costata cara al 55enne, domiciliato a Foligno. Durante i controlli del territorio, infatti, gli uomini del locale commissariato agli ordini del vice questore Adriano Felici lo hanno notato in un luogo poco distante dalla città della Quintana. Fermato, l’uomo non è stato in grado di fornire una giustificazione plausibile alla propria condotta. Motivo per cui è immediatamente scattata la segnalazione al magistrato di sorveglianza, chiamato a valutare il comportamento del 55enne. Ne è scaturito un giudizio di incompatibilità tra la condotta dell’uomo e la prosecuzione della misura alternativa della detenzione domiciliare, con il conseguente ripristino della pena carceraria. Rintracciato dai poliziotti, il 55enne è stato quindi trasferito nell’istituto penitenziario di Capanne, dove dovrà scontare i residui mesi che lo separano dal fine pena.

Articoli correlati