12.3 C
Foligno
martedì, Aprile 16, 2024
HomeCronacaFoligno, sorpresi dai carabinieri a rubare in una lavanderia automatica

Foligno, sorpresi dai carabinieri a rubare in una lavanderia automatica

Pubblicato il 26 Gennaio 2024 14:16

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

In centinaia per dire “no” ai motori sui sentieri

La manifestazione, organizzata dal Cai della regione Umbria, ha coinvolto numerosi cittadini e alcuni esponenti delle istituzioni, che hanno ribadito la contrarietà all’emendamento che liberalizza il transito dei veicoli in montagna

Passaporti, anche a Foligno scattano le nuove modalità

Da mercoledì 17 aprile le prenotazioni, effettuabili solamente online, vedranno gli uffici del commissariato aumentare la loro disponibilità per quanto riguarda giorni e orari. Ecco come fare

Il vino che fa bene all’arte: duemila bottiglie Caprai restaureranno la chiesa di Bevagna

Torna l'iniziativa del produttore montefalchese in favore dei beni culturali del territorio. La speciale etichetta è disegnata dal maestro Luigi Frappi

Arrestati in flagranza per tentato furto in una lavanderia automatica. A finire nei guai un 36enne e una 32enne, entrambi italiani. A beccarli sono stati i carabinieri della Radiomobile di Foligno. L’arresto è avvenuto nella tarda serata di mercoledì in via Clitunno, quando i carabinieri hanno sorpreso i due nei pressi della lavanderia. Fermati e sottoposti a controllo, l’uomo è stato trovato in possesso di due chiavi e una torcia, risultate essere state rubate all’interno del locale di servizio della struttura, il cui accesso è riservato solo ai dipendenti. Dai successivi accertamenti, svolti anche attraverso la visione delle telecamere di videosorveglianza, è emerso che l’uomo, dopo essersi introdotto nel locale di servizio dell’attività, avrebbe tentato di aprire il cambiamonete con una delle due chiavi rubate, senza successo. Nel frattempo, la donna era rimasta fuori dal locale a fare da “palo”. Le chiavi e la torcia sono state restituite al proprietario della lavanderia, mentre i due sono stati arrestati per furto in concorso (relativamente agli oggetti rubati) e tentato furto aggravato in concorso per quanto riguarda la tentata apertura del cambiamonete. L’arresto è stato confermato dal Tribunale di Spoleto. Per il 36enne è arrivata una condanna a 2 anni, 8 mesi e 20 giorni di carcere insieme a mille euro di multa, senza sospensione della pena. Dieci mesi di carcere e 400 euro di multa per la 32enne, per la quale la pena è invece sospesa.

Articoli correlati