10.6 C
Foligno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronacaSi rifugia per tutta la notte in pronto soccorso per paura del...

Si rifugia per tutta la notte in pronto soccorso per paura del figlio violento

Pubblicato il 1 Febbraio 2024 10:23

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

Per anni ha subito aggressioni verbali, minacce e violenza psicologica da parte del figlio 52enne che viveva in casa con lei. Vittima una donna che, stremata dai continui maltrattamenti, si è rivolta al Commissariato di Foligno per porre fine ad una situazione divenuta ormai insostenibile. Secondo la ricostruzione fatta dai poliziotti di via Garibaldi, agli ordini del vice questore aggiunto Adriano Felici, il figlio della donna in diverse occasioni, sotto l’effetto di alcol, si era scagliato contro la madre per futili motivi. Colto da improvvisi scatti d’ira, la minacciava, arrivando anche a brandirle contro un coltello e distruggendo oggetti presenti all’interno dell’abitazione. Atteggiamenti, quelli tenuti dal 52enne, che avevano portato la madre a vivere in un costante stato di ansia e terrore, al punto che durante la notte, l’anziana aveva preso l’abitudine di chiudere a chiave la porta della propria camera da letto, nel timore che il figlio potesse entrare e farle del male. Ma non solo. In una recente occasione, infatti, la vittima aveva cercato rifugio al pronto soccorso dell’ospedale di Foligno, dove aveva trascorso l’intera notte per evitare di rimanere sola in casa con l’uomo. Gli episodi di violenza, diventati più frequenti nelle ultime settimane, hanno quindi spinto l’anziana a chiedere aiuto alle forze dell’ordine. Sono così scattati gli accertamenti investigativi da parte degli agenti folignati, che hanno permesso di ricostruire l’intera vicenda. A seguito delle indagini condotte dalla polizia, la Procura della Repubblica di Spoleto ha quindi chiesto al competente giudice per le indagini preliminari l’applicazione di una misura cautelare. Richiesta che ha trovato accoglimento con un apposito provvedimento che nel pomeriggio del 29 gennaio si è concretizzato con l’arresto dell’uomo. Per il 52enne sono quindi scattati i domiciliari per maltrattamenti in famiglia. Arresti domiciliari che sconterà lontano da Foligno.

Articoli correlati