20.2 C
Foligno
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeEconomiaL’Umbria dell’aerospazio guarda al futuro con il nuovo documento strategico di sviluppo

L’Umbria dell’aerospazio guarda al futuro con il nuovo documento strategico di sviluppo

A Perugia illustrate le linee guida da seguire per il prossimo decennio. Rinnovato anche il direttivo: Daniele Tonti confermato alla presidente del Cluster

Pubblicato il 22 Febbraio 2024 15:34 - Modificato il 22 Febbraio 2024 18:54

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Colpito da infarto, ictus e trombosi guida fino in ospedale, poi crolla nel parcheggio: salvato dai medici

Protagonista dell'incredibile vicenda un 65enne che, impossibilitato a parlare per chiedere aiuto, ha deciso di raggiungere in autonomia il "San Giovanni Battista". Straordinario lavoro di squadra da parte dei medici: gli interventi non hanno avuto complicanze

Elezioni, a Montefalco sarà Alfredo Gentili a sfidare Daniela Settimi

Funzionario giudiziario in pensione, Gentili proviene dal mondo dell'associazionismo e punterà a “generare un necessario e proficuo cambiamento”

A Nocera Umbra tante iniziative per ricordare Fulvio Sbarretti e Augusto Renzini

In occasione dell'ottantesimo anniversario delle due Medaglie d'oro assegnate ai carabinieri, la città delle acque ha organizzato un fitto programma che durerà fino al prossimo mese di novembre

L’Umbria Cluster Aerospace guarda al futuro. E lo fa definendo le linee guida di sviluppo che andranno seguite nel prossimo decennio e che hanno preso le parti da una mappatura approfondita dell’industria aerospaziale umbra, dall’analisi dei trend tecnologici e dalle azioni di sostenibilità. Linee guida messe, di fatto, nero su bianco su un apposito documento strategico di indirizzo presentato a Perugia, alla presenza – tra gli altri – dell’assessore regionale allo Sviluppo economico, Michele Fioroni, e dell’amministratore unico di Sviluppumbria, Michela Sciurpa. Diverse le parti di cui si compone lo studio, a cominciare dalle competenze delle aziende che fanno parte del Cluster con riferimento alle aree di specializzazione, alle capacità di progettazione e produzione ai materiali lavorati e ai settori su cui le competenze sviluppate si concentrano. Analizzato, inoltre, l’impatto che il Cluster ha sulla catena del valore aerospaziale, inteso non solo come produzione di beni e servizi, ma anche in termini di ricerca, sviluppo, produzione e post-vendita. 

“Questo studio – ha sottolineato il presidente di Umbria Aerospace Cluster, Daniele Tonti – mette in evidenza un quadro dal potenziale enorme che, laddove adottato anche come strumento di politica industriale, potrebbe contribuire in maniera significativa – sottolinea – alla realizzazione di un ecosistema integrato dedicato all’innovazione e allo sviluppo virtuoso del settore e del territorio”.

Uno strumento che per l’assessore Fioroni consente “di orientare in maniera più efficace le risorse della Regione sulle politiche industriali volte a sostenere la filiera ed a rafforzarla, implementando non solo le politiche di ricerca ma anche strutturare una nuova metodologia per rendere più collaborative le imprese del Cluster per poter andare insieme, concentrando quote crescenti del valore di settore, che nella catena di valore dell’aerospazio viene concentrata in Umbria”.

“Sviluppumbria – ha dichiarato dal canto suo Michela Scirupa – assicura una collaborazione costante e continua nella presentazione delle aziende del Cluster a livello internazionale, convinti che ciò possa portare ad una sempre maggiore crescita di una realtà importantissima del nostro territorio”.

Costituito nel 2008 da 6 aziende, oggi il Cluster – la cui attività è coordinata da Confindustria Umbria – conta 41 soci e un fatturato complessivo di oltre 700 milioni di euro, di cui il 50% di esportazione diretta e circa il 90% comunque destinato in ultimo all’estero. Le aziende hanno circa 4.500 dipendenti diretti, dei quali oltre il 10% impegnati in ricerca e sviluppo.

La presentazione del Documento è stata preceduta dall’assemblea dei soci del Cluster, chiamata a rinnovare gli organi direttivi per il triennio 2024-2027. In particolare, Daniele Tonti (Chief Strategy Officer di Oma) è stato confermato all’unanimità alla presidenza di Umbria Aerospace Cluster. Ad affiancarlo saranno Claudio Becchetti (Ceo di CoMeAr), in qualità di vicepresidente vicario, e Mauro Bisci (Ceo di Angelantoni Test Technologies) nel ruolo di vicepresidente, al fine di rappresentare al meglio le tre anime del Cluster: aeronautica, difesa e spazio. Rinnovato anche il consiglio direttivo, che per il prossimo triennio sarà composto da Nicola Bacelli (Umbragroup), Lorenzo Flavi (Fomap), Luca Marcaccioli (RF Microtech), Stefano Musci (NCM), Carlo Pacifici (Meccanotecnica Umbra), Francesco Ortix (ART), Andrea Rampini (Rampini Carlo), Alessandro Viola (VGA) e, in qualità di Segretario Generale, Cillian Fani (Confindustria Umbria).

Articoli correlati