36.3 C
Foligno
mercoledì, Luglio 17, 2024
HomeEconomiaGli Oscar dell’imprenditorialità giovanile vanno a Todi, Guardo Cattaneo e Monteleone

Gli Oscar dell’imprenditorialità giovanile vanno a Todi, Guardo Cattaneo e Monteleone

La graduatoria di tutti i Comuni umbri per numero di imprese giovanili attive ogni mille residenti. è stata stilata dalla Camera di Commercio dell'Umbria. Il presidente Mencaroni: “Il sistema imprenditoriale segue la dinamica demografica e le imprese di giovani diminuiscono mentre aumentano quelle guidate da imprenditori più anziani"

Pubblicato il 7 Luglio 2024 13:03 - Modificato il 8 Luglio 2024 15:03

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Ancora grande caldo in Umbria. L’esperto: “Lieve calo non prima della prossima settimana”

Gli effetti del solleone si fanno sentire anche nella nostra regione. Per Fabio Pauselli di Umbria Meteo la colonnina di mercurio dovrebbe scendere di 2-3 gradi. Temperature sopra la media, ma inferiori agli scorsi anni

A Foligno prevenzione per oltre 200 cittadini con il “Progetto Cuore”

Un’indagine dell’Istituto superiore di sanità ha coinvolto un campione di folignati, con età compresa tra i 35 e i 74 anni, per valutare il rischio cardiovascolare. L’analisi ha permesso ad alcuni partecipanti di diagnosticare patologie precedentemente sconosciute

Liste d’attesa, calano di 17mila unità le prestazioni in sospeso

Un miglioramento portato dal Piano regionale ordinario di undici milioni e mezzo attuato circa due mesi fa. La presidente della Regione, Donatella Tesei: “Il progetto ha dato i suoi frutti, ma continueremo a lavorare affinché sia sempre più incisivo”

Todi per i comuni umbri sopra i 10mila abitanti, Gualdo Cattaneo per quelli tra 5mila e 10mila e Monteleone di Spoleto per i municipi sotto i 5mila, vincono nella regione gli Oscar dell’Imprenditorialità giovanile, essendo nella rispettiva categoria i comuni che presentano il maggior numero di imprese giovanili attive ogni mille abitanti.

Per Todi e Gualdo Cattaneo, peraltro, si tratta di un bis, in quanto sono anche i comuni umbri che, nelle rispettive fasce di popolazione, sono anche i comuni che in Umbria presentano la più elevata densità imprenditoriale complessiva, non solo giovanile.

A livello di province, a differenza di quanto avviene per il tasso di imprenditorialità complessivo, è Terni a presentare un valore medio più elevato (6,4 imprese giovanili attive ogni mille abitanti), rispetto a quella di Perugia (5,9 imprese giovanili attive ogni mille abitanti), mentre il dato medio regionale è di 6 imprese ogni mille residenti. Anche per quanto concerne i due capoluoghi di provincia, Terni (6,8 imprese giovanili attive ogni mille abitanti) è davanti a Perugia (5,1), che è terzultima nella graduatoria del tasso di imprenditorialità giovanile tra i comuni umbri con più di 10mila abitanti.

Il quadro emerge dai dati della Camera di Commercio dell’Umbria sulle imprese attive (ossia quelle concretamente operative tra le aziende totali registrate obbligatoriamente nel registro delle imprese, curato dalle Camera di Commercio), incrociati con i dati Istat sulla popolazione residente nei municipi umbri. I dati sulle imprese giovanili sono relativi al primo trimestre 2024, mentre quelli Istat sul numero di residenti sono al primo gennaio 2024. 

Quali sono le imprese giovanili

Si considerano giovanili le imprese la cui partecipazione di giovani fino a 35 anni risulta complessivamente superiore al 50%, mediando le composizioni di quote di partecipazione e di cariche amministrative detenute da giovani.

Un calo continuo delle imprese giovanili, -24% solo nell’ultimo quinquennio. Il sistema imprenditoriale italiano e umbro segue la dinamica demografica. La dichiarazione del Presidente Mencaroni

Le imprese giovanili, in Umbria come in Italia, vedono da anni un calo continuo. Nella regione, solo nell’ultimo quinquennio (tra il primo trimestre 2019 e lo stesso trimestre 2024), le imprese giovanili attive sono scese da 6mila 828 a 5mila 154 (-1.674 aziende), con una contrazione del 24%. Riduzione che diventa il 44% se si guarda poi all’andamento degli ultimi 13 anni (da 9mila 257 a 5mila 154, -4mila 103 aziende tra il primo trimestre 2011 e lo stesso trimestre 2024. Andamento, quello umbro, che è in linea con la media nazionale. 

Il sistema imprenditoriale italiano e umbro segue la dinamica demografica – afferma a proposito il presidente della Camera di Commercio dell’Umbria, Giorgio Mencaroni – e le imprese di giovani diminuiscono mentre aumentano quelle guidate da imprenditori più anziani. Credo che, tra le varie azioni che vanno sviluppate per aumentare il tasso di imprenditorialità dei giovani, dobbiamo anche rendere più semplice ed appetibile la creazione di una impresa – aggiunge – soprattutto riducendo la burocrazia che spesso impone obblighi non del tutto giustificati. Bisogna semplificare tutte quelle procedure che ancora oggi frenano il fare impresa in Italia e che sono vissute come un fardello troppo pesante soprattutto dai più giovani che vogliono mettersi in proprio: ben 7 imprese under 35 su 10 vedono nella burocrazia l’ostacolo maggiore all’utilizzo delle risorse del Pnrr (Piano nazionale di ripresa e resilienza, ndr)”.

Il tasso di imprenditorialità giovanile nei comuni umbri sopra i 10mila abitanti. Primo Todi, ultimo San Giustino

L’Oscar dell’imprenditorialità tra i comuni umbri sopra i 10mila abitanti spetta a Todi, dove esistono 7,6 imprese giovanili attive ogni mille residenti. Segue a brevissima distanza Castiglione del Lago (7,5 aziende giovanili attive ogni mille abitanti. La “Top Five” è completata da Gualdo Tadino e Gubbio con 6,9. Quindi Terni (6,8), Bastia Umbra (6,4), Orvieto (6,4), Assisi (6,3), Spoleto (6,1), Foligno Marsciano entrambi con 5,9), Umbertide (5,8), Amelia (5,6), Città di Castello 85,69, Corciano (5,3), Narni (5,2), Perugia (5,1), Magione (5,0), San Giustino (3,7).

Il tasso di imprenditorialità giovanile nei comuni umbri tra 5mila e 10mila abitanti. In testa Gualdo Cattaneo, in coda Panicale

Nella fascia tra 5mila e 10mila abitanti in Umbria l’Oscar dell’Imprenditorialità giovanile va a Gualdo Cattaneo, con 7,3 imprese giovanili attive ogni mille abitanti. La “Top Five”, in questa fascia di abitanti, è completata da Trevi Montefalco, entrambi con 6,8, Nocera Umbra (6,2) e Passignano sul Trasimeno(6,1). Seguono Torgiano e Spello con 5,6, Città della Pieve con 5,1, Deruta (5,0) e Panicale (4,9).

Il tasso di imprenditorialità giovanile nei comuni umbri tra 5mila e 10mila abitanti. L’Oscar in questa fascia di abitanti va a Monteleone di Spoleto, ultimo in graduatoria Scheggino

Monteleone di Spoleto (23,6 aziende giovanili attive ogni mille residenti), Vallo di Nera (15,2), Sant’Anatolia di Narco (14,4), Norcia (13,1) e Cascia (11,8) sono i comuni umbri che rientrano nella “Top Five” deli municipi fino a 5mila abitanti. Nelle prime 10 posizioni anche Calvi dell’Umbria (10,7), Pietralunga (10,6), Guardea e Giano dell’Umbria con 10,4, Polino (9,8). In coda, nelle ultime cinque posizioni in questa fascia di abitanti ci sono Scheggino (2,3), Lugnano in Teverina (2,8), Alviano (3,0), Valtopina (3,1) e Citerna (3,1).

Articoli correlati