11.3 C
Foligno
sabato, Aprile 20, 2024
HomeAttualitàFoligno celebra il 4 novembre. Mismetti: “Legame stretto tra Paese e componenti...

Foligno celebra il 4 novembre. Mismetti: “Legame stretto tra Paese e componenti militari”

Pubblicato il 4 Novembre 2017 12:50

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Le note di Beethoven per il primo appuntamento sinfonico degli Amici della Musica

Domenica 21 aprile all’auditorium “San Domenico” la celeberrima Sinfonia n. 5 e il concerto “Imperatore”. Sul palco l’orchestra dell’Istituzione sinfonica abruzzese diretta da Marco Boni e il talentuoso pianista Yuanfan Yang

Sulle orme dei partigiani con il primo sentiero del “Patriotta”

L’inaugurazione domenica 21 aprile a cura della sezione Anpi di Nocera Umbra e Valtopina per celebrare gli 80 anni dall’eccidio del 17 aprile 1944 che provocò 32 vittime. Dopo l’escursione, la celebrazione al monumento di Collecroce

Piove ma a Sant’Eraclio c’è il sole: comunità in festa per gli impianti sportivi

Inaugurata la rinnovata palazzina che ospita gli spogliatoi e i locali della società calcistica della frazione folignate. Intervento da 90mila euro per sistemare il tetto e gli infissi. Il presidente Claudio Pugnali: “Qui i bambini crescono in un ambiente sano”

Una tradizione che si rinnova ogni anno quella delle celebrazioni per l’unità nazionale e le forze armate, che ricorrono il 4 novembre. E che non ha fatto eccezione nemmeno nel 2017. Sabato mattina, in piazza Don Minzoni, le istituzioni locali, i rappresentanti delle forze armate e gli esponenti delle associazioni combattentistiche e di volontariato, si sono ritrovate – come di consueto – in piazza Don Minzoni. E’ stato lì, che dopo l’ingresso del gonfalone cittadino, è stato reso onore ai caduti con la deposizione di una corona d’alloro alla presenza del picchetto d’onore del Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’esercito, ma non solo. Presenti, nella piazzetta folignate, anche alcune classi di studenti degli istituti secondari di secondo grado cittadini. Ragazzi e ragazze ai quali, poco dopo, sono stati consegnati la bandiera italiana ed una copia della Costituzione. Le celebrazioni del 4 novembre, infatti, si sono suddivise in due differenti momenti. A quello in piazza Don Minzoni, ne è seguito un altro nella sala consiliare di palazzo Orfini Podestà, che ha visto intervenire il sindaco Nando Mismetti e il nuovo comandante del Csrne, il generale di brigata Emmanuele Servi. Ad aprire i lavori, il presidente del consiglio comunale, Alessandro Borscia, che intervenendo ha invitato i presenti – a cominciare dai giovani, colpo cioè che saranno i cittadini di domani – a “tornare nella trincea dell’impegno in favore dell’unità e della solidarietà come – ha sottolineato – ci chiede la Costituzione italiana”. Poi, la parola è passata al primo cittadino folignate. “La giornata del 4 novembre – ha detto – testimonia lo stretto legame esistente tra il Paese e le forze armate, alle quali vogliamo rendere omaggio per quello che fanno nel nostro Paese e all’estero, tanto nelle missioni di pace quanto in situazioni emergenziali come la questione dei profughi o le calamità naturali”. Il riferimento è stato, in quest’ultimo caso, al sisma del 2016 e prima ancora a quello del 1997. “E se è un legame forte quello esistente tra il nostro Paese e le forze armate – ha proseguito – lo è ancora di più quello tra la città di Foligno e la caserma ‘Gonzaga’, realtà che ha segnato la nostra identità di comunità e che oggi, proprio in virtù dei recenti eventi sismici, è tornata ad ospitare come venti anni fa i nostri studenti”. Mismetti è quindi intervenuto in difesa del diritto al lavoro e della legge dell Ius soli. “E’ una legge di civiltà – ha concluso – per cui è necessario che si vada avanti”. A chiudere la cerimonia, il generale Emmanuele Servi, che ha voluto ricordare “i caduti di tutte le guerre e missioni di pace che hanno sacrificato il bene supremo della vita per la patria”. Poi un pensiero al “tricolore”, consegnato ai giovani presenti. “La nostra bandiera – ha detto in chiusura – è custode del nostro impegno e della nostra storia, essenza ed identità della nostra terra, della patria e dell’Italia”. 

Articoli correlati