22.7 C
Foligno
sabato, Luglio 20, 2024
HomeCulturaPierpaolo Capovilla legge Pasolini allo Spazio Zut di Foligno

Pierpaolo Capovilla legge Pasolini allo Spazio Zut di Foligno

Pubblicato il 11 Novembre 2017 15:09

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Rhapsody in blue”: Marco Scolastra e la Filarmonica di Belfiore aprono “eVenti d’estate”

Il concerto inaugurale è in programa sabato 20 luglio alle 21 nella splendida cornice di Villa Fabri di Trevi. In programma la musica di Gershwin, Bernstein, Marquéz e una dedica speciale ai cento anni del capolavoro suonato per la prima volta a New York

Poreta brucia ancora: persi 120 ettari di bosco. Ci sono due denunce

L’ipotesi è che a provocare l’incendio sia stata una mietitrebbia impiegata nella lavorazione di un campo di farro: le indagini affidate ai carabinieri forestali. Oltre alle squadre di terra, in volo tre canadair e un elicottero

Vaccino anti papilloma, l’Umbria amplia il servizio gratuito

A essere interessate dal provvedimento le donne di 29 e 30 anni. Dalla Regione 400mila euro in più per prevenire incidenza dei tumori e altre patologie HPV correlate

Un momento vivo di riflessione. Così la Libreria Aurora presenta l’evento “Capovilla legge Pasolini” in programma domenica 12 novembre, alle 18.30, allo Spazio Zut. Protagonista Pierpaolo Capovilla, front man degli 2One dimensional man” e de “Il teatro degli orrori”, che leggerà e reciterà l’opera poetica pasoliniana. “Abbiamo scelto di presentare il pensiero pasoliniano – ha detto Francesca Antonini, responsabile per Foligno della Libreria Aurora – per aprire una riflessione sulla società attuale. Penso ai giovani che fanno ore di fila per comprare il nuovo modello di telefono – ha proseguito – o a chi lavora come un ossesso per 12 ore al giorno solo per comprarsi una macchina più lussuosa che, poi, gli serve per andare di nuovo al lavoro. Il capitalismo vive e prospera nell’assenza di cultura – ha quindi concluso Francesca Antonini – quindi noi ci impegniamo a fare cultura popolare, a lottare contro l’analfabetismo politico, per riaffermare valori e vie alternative a questo sistema”. Pier Paolo Pasolini fu un attento osservatore dei cambiamenti della società italiana dal secondo dopoguerra sino alla metà degli anni Settanta, suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti per la radicalità dei suoi giudizi assai critici nei riguardi delle abitudini borghesi e della nascente società dei consumi. Nell’opera di Capovilla sono certamente distinguibili la sua devozione per la passione civile e l’attaccamento ai valori democratici, sempre polemicamente ribaditi nei concerti e negli incontri pubblici. Al termine dello spettacolo, seguirà una cena. È possibile prenotare il posto chiamando al 389.0231912.

Articoli correlati