22.7 C
Foligno
sabato, Luglio 20, 2024
HomeCronacaNel 2018 lo sport passa da Colfiorito. Dalla maratona allo skyrunning, spazio...

Nel 2018 lo sport passa da Colfiorito. Dalla maratona allo skyrunning, spazio anche al Giro

Pubblicato il 7 Febbraio 2018 12:43

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Rhapsody in blue”: Marco Scolastra e la Filarmonica di Belfiore aprono “eVenti d’estate”

Il concerto inaugurale è in programa sabato 20 luglio alle 21 nella splendida cornice di Villa Fabri di Trevi. In programma la musica di Gershwin, Bernstein, Marquéz e una dedica speciale ai cento anni del capolavoro suonato per la prima volta a New York

Poreta brucia ancora: persi 120 ettari di bosco. Ci sono due denunce

L’ipotesi è che a provocare l’incendio sia stata una mietitrebbia impiegata nella lavorazione di un campo di farro: le indagini affidate ai carabinieri forestali. Oltre alle squadre di terra, in volo tre canadair e un elicottero

Vaccino anti papilloma, l’Umbria amplia il servizio gratuito

A essere interessate dal provvedimento le donne di 29 e 30 anni. Dalla Regione 400mila euro in più per prevenire incidenza dei tumori e altre patologie HPV correlate

Foligno quest’anno è “Città europea dello sport”. Ai tantissimi appuntamenti in programma in città, le frazioni montane non potevano essere certo da meno. E’ per questo motivo che i responsabili del Parco di Colfiorito stanno lavorando a stretto contatto con gli uffici comunali per creare un cartellone di eventi sportivi pronto a richiamare numerosi atleti provetti e non. Tre in particolari gli eventi in programma per il 2018. Si parte il sei maggio con una maratona dell’Altopiano non competitiva che prevedrà tre itinerari: uno da dieci chilometri, uno da ventotto ed uno da quarantadue. “Prendiamo spunto dalla competizione di Acquapendente – ha spiegato il delegato al Parco, Paolo Gubbini – dove dai 300 iscritti in pochi anni si è passati a 1800 atleti”. Altro evento sarà quello che richiamerà gli appassionati dello skyrunning, ovvero i podisti d’alta quota che si sfidano su percorsi sconnessi rigorosamente in salita. In questo caso l’appuntamento con l’”Ultra Pale” è per il 10 giugno con un percorso che partirà dal Parco Hoffman per toccare poi Sassovivo, Pale, Capodacqua. Il terzo evento proposto sarà in collaborazione con la Fie e riguarderà la disciplina di regolarità alpina, ovvero una marcia su più percorsi fatta ad alta quota. Ma quello iniziato sarà anche l’anno del ciclismo. La Tirreno-Adriatico e il Giro d’Italia toccheranno infatti alcune strade montane: particolarmente interessata dal passaggio sarà Annifo. Che le due ruote siano nel destino della montagna di Foligno lo si capisce anche da un altro progetto che potrebbe prendere piede prossimamente. Stiamo parlando della ciclovia che potrebbe sorgere sul vecchio sentiero della Ss77. Strada che potrebbe così unirsi al quadriciclo delle Marche, visto che la regione “cugina” sta mettendo in piedi un progetto denominato “Quadriciclo” che collegherà la costa all’Appennino. Da Muccia quindi, i ciclisti potrebbero prendere la strada verso Foligno per poi collegarsi anche alla famosa Spoleto-Assisi. IL BILANCIO – Tutte queste prospettive future sono state lanciate nel corso della conferenza stampa che ha presentato il bilancio di quanto fatto dal Parco di Colfiorito nel 2017. Con Paolo Gubbini, presenti anche Laura Picchiarelli e Biancarita Eleuteri, ovvero i protagonisti di tutto ciò che viene fatto sull’altipiano. “E’ stato un anno positivo – ha affermato Gubbini –. Il Parco ha visto un incremento pari a 6mila presenze, grazie anche alle tantissime attività che hanno interessato escursioni, lezioni didattico-ambientali per le scuole e via dicendo”. Tanti i visitatori arrivati grazie alla nuova Ss77. Quelli che hanno scoperto il Museo naturalistico sono stati 1250, mentre quasi 2400 gli studenti arrivati sin sugli altipiani per conoscere l’avifauna. Le presenze dall’Europa e da altre zone d’Italia ha visto un incremento del 30 per cento. CENTRO STUDI BIS – Quanto fatto sin ora potrebbe essere solo un punto di partenza. Già, perché nella mente dell’amministrazione comunale c’è la voglia di fare le cose in grande. “Vogliamo costituire un Centro studi bis con sede a Colfiorito – ha sottolineato il sindaco Mismetti -. All’interno vogliamo metterci le teste migliori: dal mondo accademico ai rappresentanti dei comuni limitrofi, per approfondire un progetto coerente allo sviluppo dell’area. Vogliamo governare il processo legato al turismo, alla cultura e all’enogastronomia – ha proseguito il sindaco – Da Belfiore a Pale, passando per Scopoli, Rasiglia e Colfiorito, questo sarà lo sforzo che dovremo fare per lo sviluppo di paesaggi meravigliosi”. REPERTI ARCHEOLOGICI – A proposito di meraviglie, da un recente incontro tra Comune e Anas, è stata ribadita la necessità di lasciare in zona i reperti venuti alla luce con gli scavi per la Valdichienti. Una volta ristrutturati, i ritrovamenti fatti in alcune tombe preromane verranno prima esposti a Roma per poi tornare a Foligno.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati