20.2 C
Foligno
domenica, Luglio 21, 2024
HomeCultura“Diventiumbria”, in 32 scatti le vite di chi ha vissuto gli effetti...

“Diventiumbria”, in 32 scatti le vite di chi ha vissuto gli effetti del sisma del ’97

Pubblicato il 8 Febbraio 2018 14:23

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Operazione “Oro rosso”, controlli straordinari della Polfer contro i furti di rame

Gli agenti di Foligno e Perugia hanno effettuato verifiche in tre attività di rottamazione per il rispetto delle normative di settore e lungo le linee ferroviarie per accertare l’integrità dei cavi. Intensificata anche l’attività nelle stazioni: identificate 259 persone

Mezzi ancora in azione a Poreta: in volo un canadair e un elicottero

Proseguono per il terzo giorno consecutivo le operazioni di spegnimento dell’incendio che ha interessato le aree ai confini tra i comuni di Campello e Spoleto. Fino alle 20 di sabato sospensione dell’energia elettrica nelle zone interessate dalle fiamme

Il Torneo nazionale degli oratori si chiude a Foligno e incorona Joco Campus

Le finali di “TuttInGioco” hanno visto la compagine locale alzare la coppa dell'ultima delle cinque finali del progetto organizzato in 50 centri estivi dal Centro Sportivo Italiano e da Fondazione Conad ETS con il supporto di PAC 2000A Conad, per promuovere e diffondere i valori dello sport

Matilde e Ilaria sono nate tra le due scosse del 26 settembre 1997. Ma come loro anche Matteo, Marta, Riccardo e Beatrice sono venuti al mondo in paesi popolati da gru e cantieri. Le loro scuole erano prefabbricati e sono cresciuti con il racconto di quanto fosse terrificante il terremoto. Oggi hanno 20 anni – chi più, chi meno – e sono l’esempio di chi ha vissuto gli effetti del sisma. Le loro storie sono racchiuse in 32 scatti realizzati da Marco Giugliarelli e Fabrizio Troccoli. Autore dei testi è il giornalista e scrittore Giovanni Dozzini. In 32 immagini che dal 10 febbraio all’11 marzo prossimo saranno esposte al Centro italiano di arte contemporanea di Foligno, in via del Campanile. La mostra, dal titolo “Diventiumbria. 1997-2017 ricostruzione 20 anni”, rientra nella campagna di comunicazione realizzata dalla Regione Umbria. Ad essere raccontata è la vita di tutti i giorni della comunità umbra e al contempo l’identità di questo territorio. Il progetto è nato con l’obiettivo di comunicare il risultato più importante dell’esperienza della ricostruzione: non solo, cioè, avere una comunità che vive questi luoghi, ma avere una comunità più forte e dinamica di prima. I ragazzi coinvolti vivono nei luoghi della ricostruzione, studiano, lavorano e desiderano rimanerci. I valori di cui si fanno oggi portavoce hanno tratti caratteristici importanti nell’esperienza della ricostruzione di tutte le città e sono un patrimonio comune dell’intera regione. “Diventiumbria”, quindi, non vuole essere mera testimonianza di vent’anni di lavoro, ma vuole raccontare un’esperienza collettiva su ciò che è il cambiamento, la crescita di esperienza e la consapevolezza di appartenenza ai valori comuni dell’Umbria, su come appunto si “diventi Umbria”. Una storia dell’Italia che funziona e delle sue comunità intese come la sua risorsa migliore. Durante la mostra al Ciac sono previsti anche incontri tematici e visite dedicate alle scuole. 

LA MOSTRA
Orari di apertura: venerdì 15.30-18.30; sabato e domenica 10.30-12.30 / 15.30-18.30. Aperture straordinarie su prenotazione.
Tariffe: la mostra è ad ingresso gratuito.
Info e prenotazioni: Call center Sistema Museo 199 151 123 – callcenter@sistemamuseo.it; Ciac tel. 0742.481222 – ciac.foligno@sistemamuseo.it
www.centroitalianoartecontemporanea.it

Articoli correlati