26.5 C
Foligno
domenica, Luglio 21, 2024
HomeCulturaNo a nuove costruzioni, la Soprintendenza torna a difendere le tombe romane...

No a nuove costruzioni, la Soprintendenza torna a difendere le tombe romane di Fiamenga

Pubblicato il 23 Febbraio 2018 16:08

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Operazione “Oro rosso”, controlli straordinari della Polfer contro i furti di rame

Gli agenti di Foligno e Perugia hanno effettuato verifiche in tre attività di rottamazione per il rispetto delle normative di settore e lungo le linee ferroviarie per accertare l’integrità dei cavi. Intensificata anche l’attività nelle stazioni: identificate 259 persone

Mezzi ancora in azione a Poreta: in volo un canadair e un elicottero

Proseguono per il terzo giorno consecutivo le operazioni di spegnimento dell’incendio che ha interessato le aree ai confini tra i comuni di Campello e Spoleto. Fino alle 20 di sabato sospensione dell’energia elettrica nelle zone interessate dalle fiamme

Il Torneo nazionale degli oratori si chiude a Foligno e incorona Joco Campus

Le finali di “TuttInGioco” hanno visto la compagine locale alzare la coppa dell'ultima delle cinque finali del progetto organizzato in 50 centri estivi dal Centro Sportivo Italiano e da Fondazione Conad ETS con il supporto di PAC 2000A Conad, per promuovere e diffondere i valori dello sport

No a nuove costruzioni, di qualsiasi genere esse siano, anche a carattere provvisorio. No a sterri o movimenti di terra ed opere di sistemazione, anche agricole. No a discariche, sia pubbliche che private, e a parcheggi. Insomma, è una lunga sfilza di divieti quella messa nero su bianco dalla Soprintendenza all’archeologia, belle arti e paesaggio dell’Umbria per mano – o meglio a firma – di Marica Mercalli. Si torna così a parlare dei rinvenimenti nella frazione di Fiamenga, a Foligno, lungo il lato nord della strada regionale 316. Il monumento funerario, le strutture murarie pertinenti alle sostruzioni di una strada antica e la sepoltura a fossa di età romana vanno preservate e tutelate. Lo ribadisce la Soprintendenza in un documento che porta la data dello scorso 18 gennaio. Ed anche se il Tar dell’Umbria, con sentenza 556 del 2017, ha detto che non emergono “dal decreto impugnato né dall’allegata relazione archeologica le ragioni di stretta correlazione tra le esigenze di concreta conservazione e tutela archeologica del bene ed una così ampia estensione del vincolo indiretto”, la Soprintendenza torna a mettere comunque i puntini sulle “i”. Occorre una “tutela che ne preservi le condizioni attuali di ambientamento e visibilità dai punti di prospettiva dai quali essi nel loro insieme sono percepibili” si legge infatti nel documento. Ecco perché un’area di tutela indiretta serve, perché il contesto agrario venga mantenuto integro, permettendo così la giusta “visibilità e condizione di ambientamento, di prospettiva e di luce”, preservando i beni archeologici presenti lungo la strada che da Foligno conduce a Bevagna da “interferenze estranee all’unitarietà del contesto”. Spiegato, quindi, il triplice e secco no all’intervento umano, che potrebbe alterare fino a compromettere quella identità di luoghi e popoli che hanno fatto la storia di questa comunità. E che in tanti negli ultimi tempi hanno difeso a spada tratta, alimentando il dibattito in città.

Articoli correlati