11.3 C
Foligno
sabato, Aprile 20, 2024
HomeEconomiaIl gruppo Caprai pronto a passare al fondo internazionale Oaktree

Il gruppo Caprai pronto a passare al fondo internazionale Oaktree

Pubblicato il 1 Marzo 2018 12:35

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Gli sbandieratori e musici di Foligno di nuovo in Spagna: esibizione davanti a 40mila turisti

Dopo l’appuntamento di Alcalà de Henares per il “Mercado Cervantino”, seconda trasferta iberica per il gruppo che ha fatto tappa nella regione autonoma di Castilla-La Mancha per partecipare ad uno dei festival storici più importanti del Paese

Il Giro d’Italia arriva a Foligno: raffica di iniziative collaterali

Convegni, incontri, presentazioni di libri, passeggiate in rosa, iniziative per i bambini, pedalate per le vie della città: sono solo alcuni degli eventi previsti per "In giro al Centro del mondo". In programma anche una collaborazione con la Caritas e la realizzazione di un fumetto

Un mese di lavori sulla Orte-Falconara: come e quando cambia il servizio ferroviario in Umbria

La linea sarà interessata da lavori indispensabili sotto il profilo strutturale e tecnologico. Da parte di Trenitalia saranno previsti dei servizi sostitutivi per gli spostamenti

Il gruppo Caprai pronto a passare al fondo d’investimento internazionale Oaktree. La notizia porta la firma di Milano Finanza, il quotidiano economico lombardo, per il quale proprio in questi giorni si sarebbe definito l’accordo con le banche. Banche che sarebbero esposte per 45 milioni di euro. Un’acquisizione, quella in atto, che porterebbe Oaktree a prendere il pieno possesso dell’intera azienda: dal comparto vitivinicolo legato alla produzione del pregiato Sagrantino di Montefalco a quello tessile con Maglital, azienda proprietari di vari marchi tra cui il noto Cruciani, che opera nel settore dei tessuti, del cashmere e degli accessori come ricordano i celebri braccialetti in macramè. Bottiglie di Sagrantino e manufatti firmati Cruciani, ma non solo. Il gruppo Caprai, infatti, vanta anche un 50 per cento di quote all’interno del lanificio Cariaggi. Tutti settori che, negli ultimi tempi, hanno permesso di portare a casa utili positivi, a fronte però, come detto, di una situazione debitoria nei confronti delle banche che ha spianato di fatto la strada all’ingresso in campo di Oaktree. Secondo quanto reso noto sempre dal quotidiano economico-finanziario milanese, comunque, il fondo d’investimento internazionale potrebbe subentrare anche solo come azionista e non necessariamente nella gestione delle varie attività del gruppo fondato a metà degli anni Cinquanta da Arnaldo Caprai e oggi gestito dal figlio Marco.

Articoli correlati