17 C
Foligno
domenica, Aprile 14, 2024
HomePoliticaFoligno, dal consiglio comunale il via libera per la demolizione del campo...

Foligno, dal consiglio comunale il via libera per la demolizione del campo rom

Pubblicato il 18 Marzo 2018 08:31

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

La nave di Festa di Scienza e Filosofia verso l’attracco: tocca a Fabbri e Battiston

Ventidue le conferenze in agenda per l’ultima giornata, quella di domenica, ma anche tanti laboratori ed eventi ad attendere il pubblico. A poche ore dalla chiusura superate le 10mila prenotazioni: si sta per chiudere un'edizione straordinaria dedicata al Mediterraneo

Non rispetta la semilibertà: trentacinquenne sconterà i tre anni di pena in carcere

L'uomo originario dell'Ecuador era residente a Spello, ma è stato trovato dai carabinieri ubriaco a Bastia Umbra. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Spoleto

Elezioni, a Campello sul Clitunno il centrodestra sceglie Fabiana Grullini

L'attuale consigliere comunale del Gruppo misto aveva già rivestito il ruolo di assessore nel 2019 con l'attuale giunta guidata da Maurizio Calisti. Le prime parole: "Con me squadra che rappresenta sensibilità e professionalità"

Spetterà al consiglio comunale di Foligno l’ultima parola sulla demolizione del campo rom nella frazione di Sant’Eraclio. La massima assise cittadina, che si riunirà nella giornata di martedì 20 marzo, è chiamata a votare la pratica già passata ad inizio mese in seconda commissione consiliare. In quell’occasione, tutti i commissari presenti votarono favorevolmente all’atto riguardante gli illeciti edilizi in via Londra. Illeciti che il Comune ha cercato di far sanare attraverso specifiche ordinanze risalenti addirittura al 2014. Ordinanze che, però, non hanno mai ricevuto nessuna risposta positiva. Gli illeciti edilizi, come si legge nel documento stesso presentato ai consiglieri comunali, ricadono in un’area che il Prg definisce come “zona agricola di pregio” e con un vincolo che riguarda le ex cave o discariche. “Le opere – si legge ancora nell’atto – risultano realizzate con materiali incongrui con il paesaggio circostante e che in conseguenza non si può prefigurare un utilizzo per prevalenti interessi pubblici”. Ora gli uffici comunali attendono quindi il via libera da parte della massima assise per definire i successivi provvedimenti propedeutici alla demolizione. In caso di via libera da parte dei consiglieri, si procederà dunque allo smantellamento di quella parte di via Londra sulla quale insistono dei fabbricati abusivi. Il segnale già arrivato dalla seconda commissione è comunque chiaro: tutti d’accordo nel mettere fine ad una vicenda che si trascina oramai da anni e che nel corso del tempo è finita anche al centro delle cronache cittadine. LA SEDUTA – Il consiglio comunale di martedì 20 marzo, convocato per le 13, sarà chiamato a discutere ed approvare altre pratiche. All’ordine del giorno, tra l’altro, l’approvazione del “sistema dei servizi e delle attrezzature. Il mattatoio A/M, Variante n. 8 alle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. ’97”. Si passerà poi agli “interventi Vus per la mitigazione dell’emergenza idrica negli Ati. Realizzazione nuovo pozzo in località Santo Pietro e collegamento alla rete acquedottistica”. Questi gli altri punti all’ordine del giorno: “Tratti di strada statale SS n. 3 Flaminia in località Sant’Eraclio dismessi – acquisizione gratuita al demanio comunale e successiva costituzione servitù di passaggio carrabile”, “accorpamento porzioni di sedime stradale al demanio comunale per un tratto di strada via Cagliari”, “regolamento comunale per l’occupazione temporanea di spazi ed aree pubbliche da parte degli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, delle attività commerciali, produttive e in occasione di eventi e manifestazioni”.

Fabio Luccioli
Fabio Luccioli
Direttore di Radio Gente Umbra e Gazzetta di Foligno

Articoli correlati