8 C
Foligno
mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeCronacaA Foligno compare uno striscione che inneggia al fascismo. Mismetti: “Atto grave”

A Foligno compare uno striscione che inneggia al fascismo. Mismetti: “Atto grave”

Pubblicato il 23 Marzo 2018 12:40

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Elezioni, a Foligno nuovi ingressi per Masciotti. Azione sosterrà la coalizione progressista

Il segretario regionale Giacomo Leonelli ha annunciato l'appoggio a “Uniamo Foligno”, all'interno di cui verranno candidati Emanuele Sfregola e Anastasia Angeli. Polemica di Italia Viva per il “veto” al simbolo

Anna Laura, ‘mastra cartaia’ nel segno di nonno Silvano: “Così noi giovani facciamo vivere le Gaite”

In occasione della Primavera Medievale che si svolgerà a Bevagna dal 24 al 28 aprile, abbiamo intervistato la ventitreenne Mariani Marini, che insieme a suo fratello e a un gruppo di giovani volontari gestisce la Cartiera della San Giovanni. Il programma della manifestazione

In centinaia sul sentiero del “Patriotta”

Tantissime le persone che domenica 21 aprile hanno affollato le montagne di Nocera Umbra e Valtopina per ricordare le vittime dell’eccidio di Collecroce a 80 di distanza

“23 marzo 1919. La più audace, la più originale, la più mediterranea ed europea delle idee”. E’ quanto recitava lo striscione comparso nella notte tra giovedì 22 e venerdì 23 marzo nel parcheggio del Plateatico a Foligno e subito rimosso dalla polizia. La frase riportata sul lungo pezzo di stoffa, che ignoti hanno appeso alla ringhiera della stazione degli autobus, infatti, era un chiaro riferimento alla fondazione dei fasci italiani di combattimento, ossia il movimento politico fondato a Milano da Benito Mussolini proprio il 23 marzo del 1919. Un gesto, quello compiuto nella città della Quintana la scorsa notte, che è stato immediatamente condannato dall’amministrazione comunale, per bocca del sindaco Nando Mismetti. Il primo cittadino folignate ha infatti apostrofato come “grave” l’esposizione dello striscione inneggiante al fascismo. “Un gesto – ha dichiarato – che non ha niente a che fare con la storia della città. Non so se chi l’ha compiuto si sia reso conto di quello che ha fatto – ha ammonito Nando Mismetti -, né – ha aggiunto – del rischio di pesanti ripercussioni dal punto di vista penale”. Il sindaco folignate ha infatti ricordato come l’apologia del fascismo sia a tutti gli effetti un reato, così come disciplinato dall’articolo 4 della Legge Scelba nel 1952. “Non è una bravata – ha quindi concluso con toni duri Nando Mismetti – è un atto molto grave”.

Articoli correlati