26.8 C
Foligno
sabato, Luglio 20, 2024
HomeCronacaFoligno, si studia la nuova pavimentazione di piazza Giacomini

Foligno, si studia la nuova pavimentazione di piazza Giacomini

Pubblicato il 25 Marzo 2018 10:02

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

“Rhapsody in blue”: Marco Scolastra e la Filarmonica di Belfiore aprono “eVenti d’estate”

Il concerto inaugurale è in programa sabato 20 luglio alle 21 nella splendida cornice di Villa Fabri di Trevi. In programma la musica di Gershwin, Bernstein, Marquéz e una dedica speciale ai cento anni del capolavoro suonato per la prima volta a New York

Poreta brucia ancora: persi 120 ettari di bosco. Ci sono due denunce

L’ipotesi è che a provocare l’incendio sia stata una mietitrebbia impiegata nella lavorazione di un campo di farro: le indagini affidate ai carabinieri forestali. Oltre alle squadre di terra, in volo tre canadair e un elicottero

Vaccino anti papilloma, l’Umbria amplia il servizio gratuito

A essere interessate dal provvedimento le donne di 29 e 30 anni. Dalla Regione 400mila euro in più per prevenire incidenza dei tumori e altre patologie HPV correlate

Cinquecentomila euro per il restyling di piazza Giacomini. E’ l’importo messo sul piatto dalla Regione Umbria per completare l’intervento del Pir centro storico che ha interessato la città negli ultimi anni. Una cifra pronta per essere utilizzata dagli uffici comunali, non prima però di attivare tutta quella serie di pratiche burocratiche, propedeutiche alla realizzazione della nuova urbanizzazione a rete della piazza e successivamente della nuova pavimentazione. Insomma, i tempi potrebbero non essere cortissimi ma, come detto, qualcosa si sta muovendo. Dal Comune si sarebbe gà deciso come eseguire la nuova pavimentazione di piazza Giacomini. Oltre alle opere che interesseranno le nuove reti, la pavimentazione verrà realizzata in acciottolato per i due vicoli che si sviluppano in fondo alla piazza. Per quanto riguarda l’anello perimetrale della stessa, si userà materiale carrabile in modo tale da poter continuare a far circolare le vetture dei residenti o di tutti coloro che devono invertire il senso di marcia nel caso in cui trovassero il varco di via Garibaldi chiuso. L’intervento prevedrà anche l’utilizzo di un materiale “simil-pietra” non carrabile per le aree perimetrali e per la parte internale dell’anello carrabile. Si chiude con la pietra dura chiara per il disegno del perimetro della Madonna del Pianto, con del “ghiaietto sciolto” o “terriccio inerbito” per l’area interna al perimetro della stessa chiesa. Prima di passare alla fase esecutiva, il Comune dovrà avviare la procedura per l’affidamento per tutti quei servizi attinenti l’ingegneria e l’architettura del progetto. Per farlo, l’ente di piazza della Repubblica si affiderà al Mercato elettronico della pubblica amministrazione, per un importo stimato in poco meno di 40mila euro.

Articoli correlati