21.3 C
Foligno
sabato, Maggio 25, 2024
HomeCronacaLa polizia locale di Foligno spegne 176 candeline: il bilancio e i...

La polizia locale di Foligno spegne 176 candeline: il bilancio e i premiati

Pubblicato il 18 Novembre 2022 14:13 - Modificato il 5 Settembre 2023 10:28

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Foligno, aggredisce i poliziotti intervenuti per sedare la lite

La polizia ha arrestato un trentatreenne per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L'episdio è avvenuto nella serata di venerdì 24 maggio in un'abitazione del centro storico

“Dillo con un fiore”, Regione Umbria e Slovenia insieme per coltivare la biodiversità

In regione sono oltre 3.500 gli apicoltori per un totale di 50mila alveari. In un incontro a Villa Umbra azioni ed esperienze per tutelare le api e salvaguardare gli ecosistemi

A Spello un weekend all’insegna della stand-up comedy, danza e musica con Strabismi

Decima edizione per la rassegna che vede alla direzione artistica Alessandro Sesti, nata con il duplice obiettivo di dare spazio e sostenere i giovani artisti ed al contempo riavvicinare il pubblico al teatro

“Vogliamo con il nostro lavoro essere degli amici qualificati, ai quali rivolgersi con fiducia che sarà ricambiata da professionalità e comprensione”. È questo uno dei passaggi dell’intervento del comandate della polizia municipale di Foligno, Marco Baffa, in occasione della cerimonia di venerdì mattina in Comune che ricorda il 176esimo anniversario della fondazione del Corpo. Una cerimonia, alla quale hanno presenziato autorità civili, militari e religiose, che è servita anche per fare il punto sui servizi svolti quest’anno dagli uomini del comando di viale Marconi. Attività relazionate dallo stesso Baffa che, prima di entrare nel merito dei dati, ha sottolineato come quello dei 176 anni dalla fondazione del Corpo sia un “traguardo importante”. “Il nostro impegno non si limita al contrasto dell’illegalità – ha detto il comandante – ma si traduce in una presenza attiva nei diversi aspetti della vita sociale. Ecco – ha quindi osservato –, è bene considerare la polizia municipale come vero ‘regolatore della vita sociale’” Una funzione svolta, chiaramente, in numerose aree tematiche.

Al netto di quasi 17mila illeciti accertati, sul fronte della sicurezza stradale l’attività messa a segno dagli uomini di viale Marconi parla di 41 patenti ritirate, 206 quelle comunque oggetto di decurtazione dei punti, 17 veicoli sequestrati, 305 posti di controllo ed oltre mille veicoli monitorati, senza dimenticare i conseguenti controlli mirati.

Per quanto riguarda le azioni di tutela dei consumatori e delle attività commerciali, durante quest’anno sono state finora 112 le verifiche e relative sanzioni effettuate sulle Scia. Circa 13mila, inoltre, i controlli, anche documentali, nei mercati.

Dopo aver rimarcato poi come nell’ambito della polizia di prossimità “ci sia la volontà di implementare le sinergie con le Istituzioni”, il comandante Baffa a ricordato i tanti corsi e progetti portati nelle scuole, nell’ambito non solo dell’educazione stradale e alla legalità.

Elevato, inoltre, il numero di notizie di reato in riferimento all’attività di polizia giudiziaria: in particolare, il servizio contravvenzionale ha gestito più di 17mila sanzioni, con annesso lavoro amministrativo.

E ancora il lavoro di polizia anagrafica, con circa 3mila accertamenti di residenza condotti, tra l’altro, anche all’interno delle abitazioni nonostante il Covid.

Infine, il servizio di protezione civile che ha visto il coinvolgimento di quasi 800 volontari per un lavoro enorme in diversi ambiti, partito a marzo del 2020 che non si è mai fermato

Senza dimenticare il lavoro delle altre aree del Copro, come centrale operativa e centralino: ricordati, in questo senso, le oltre 200 ordinanze viabilistiche e le circa 6mila autorizzazioni per la Ztl.

“Un lavoro vastissimo – ha commentato Baffa – portato avanti in modo encomiabile anche durante il lungo periodo di mia assenza. Un comandante privo di collaboratori leali ed appassionati non può raggiungere alcun risultato – ha quindi aggiunto -, siamo una famiglia e sempre pronti a nuovi traguardi”.

LA CERIMONIA – A presiedere i festeggiamenti per i 176 anni dalla fondazione della polizia locale, il presidente del consiglio comunale, Lorenzo Schiarea. Lo stesso che ha così dichiarato: “Oggi si celebra un anniversario importante, come importante è il ruolo quotidiano del Corpo al servizio del cittadino: un punto di riferimento per la città, legato a doppio filo con la sua storia”.

“L’amministrazione è sempre molto attenta alla polizia municipale, siamo un corpo unico – gli ha fatto eco il sindaco di Foligno, Stefano Zuccarini -, sappiamo di poter contare su di voi e voi potete contare su di noi”. Il primo cittadino ha parlato dunque di “obiettivi sempre più ambiziosi”, facendo il punto sul lavoro svolto ed in corso di svolgimento per gli uomini di viale Marconi: “In questi giorni stanno arrivando dei nuovi tablet operativi, a breve verranno fornite agli agenti delle body-cam e sulle pattuglie verranno installate le dash cam. Sono in via di consegna caschi, giubbetti e guanti protettivi per certe evenienze. Abbiamo incrementato il punto di ascolto a servizio di tutte le frazioni. Ricordo l’attivazione del distaccamento a piazza Matteotti. Stiamo portando a compimento il progetto della nuova videosorveglianza cittadina. È stata riservata attenzione anche ai controlli sulla movida ed è stato incrementato il numero dei vigili urbani”.

Nel corso della cerimonia nella sala consiliare di palazzo Ordini Podestà c’è stato pure spazio per la consegna di attestati di merito a uomini del Corpo che si sono particolarmente distinti per alcune attività. A cominciare dagli appuntati Claudio Tamburo e Paolo Margasini che hanno ricevuto un riconoscimento per il pronto intervento in soccorso di un giovane che recentemente intendeva gettarsi dal ponte Nuovo. Un intervento di mediazione, il loro, che ha permesso di evitare il peggio. Un altro attestato è poi andato all’appuntato Marco Federici che, nel luglio scorso mentre era fuori servizio a Porto Recanati, è intervenuto con determinazione per salvare una donna in mare che stava per annegare, riuscendo a portarla incolume a riva. Un riconoscimento è stato infine consegnato all’appuntato Natalino Petroni e all’agente Daniele Fucilli per il prezioso intervento, riconducibile al maggio 2021, in soccorso di un giovane che si era gettato dal ponte di viale Firenze.

Presenti in sala anche gli alunni del terzo circolo didattico “Monte Cervino”, accompagnati dalla dirigente scolastica e dagli insegnanti, che hanno ricevuto in omaggio una copia della Costituzione.

Articoli correlati