13.3 C
Foligno
sabato, Maggio 25, 2024
HomeAttualitàA Foligno la Giornata mondiale dell’acqua si celebra con un programma ricco...

A Foligno la Giornata mondiale dell’acqua si celebra con un programma ricco di eventi

Pubblicato il 15 Marzo 2023 10:30 - Modificato il 5 Settembre 2023 10:07

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Erbe medicamentose e “stregoneria” al Convito medievale di Bevagna

In attesa dell’appuntamento di giugno con il Mercato delle Gaite, sabato 25 maggio, in occasione del banchetto annuale, tra pietanze, musiche, spettacoli e costumi, il borgo bevanate riporterà in vita le tradizioni e gli usi tipici dell’epoca

Foligno, dovrà scontare 17 anni anni di carcere per rapina, estorsione e spaccio

Un 45enne era in prova ai servizi sociali, ma il nuovo provvedimento del magistrato di sorveglianza ha imposto la detenzione a Capanne. A rintracciare l'uomo gli agenti del commissariato

Tutti in sella! A Verchiano torna la Rampicorno

Domenica 26 maggio l'appuntamento con la quinta edizione del cicloraduno non agonistico di mountain bike. Tre i percorsi previsti e studiati per permettere a tutti di vivere una giornata di sport e allegria

Presentato a Foligno il programma di eventi “La goccia del cambiamento sei tu” per celebrare la Giornata mondiale dell’acqua 2023. A snocciolare i dettagli, nella mattinata di martedì 14 marzo a palazzo Trinci, la rete di aggregazione e coordinamento tra associazioni, proloco e comunanze agrarie dell’area montana del comune di Foligno e di quelli limitrofi “In Alto – Assemblea della Montagna”. Il tema mondiale di quest’anno, si concretizza nell’invito, esteso a tutti, ad offrire un contributo con comportamenti volti a contrastare il cambiamento climatico e i conseguenti effetti sulle risorse idriche. Esteso a tutti, sì, dove “tutti” comprende il singolo individuo, le famiglie, le scuole e le comunità. L’intento del programma è dunque quello di sensibilizzare le persone sui temi ambientali, consolidando contestualmente il senso di appartenenza al territorio partendo proprio dall’acqua, elemento naturale prezioso e rappresentativo proprio del territorio montano. Un’iniziativa che ha coinvolto gli alunni di oltre cinquanta classi delle scuole d’infanzia e primarie di Foligno – tra l’altro premiati nella mattinata con attestati di partecipazione – che, nell’ambito dei percorsi di educazione ambientale, hanno realizzato elaborati di vario genere da ieri esposti nella corte di palazzo Trinci. Diversi gli interventi nel corso dell’incontro moderato dal caporedattore Tgr dell’Umbria, Luca Ginetto. Tra gli altri quelli di Giovanni Parapini, direttore della sede Rai Umbria, Chiara Biscarini, docente di Costruzioni idrauliche e responsabile Unesco Chair-Water Resources Management and Culture – Università per Stranieri di Perugia, e Alessia Marini, dirigente scolastica dell’Ic Foligno 5.

Parapini, che ha parlato pure del progetto “Ripartiamo dai territori”, ha dal canto suo spiegato come ci siano “valori ed eccellenze che possono essere di esempio per le città dove si registra una qualità scadente dei servizi”: “La nostra idea – ha detto – è di far capire che esistono dei patrimoni di valori e contenuti nei territori e bisogna valorizzarli”. Biscarini, tra le altre cose, ha invece prontamente risposto alle curiosità bambini che chiedevano informazioni sul ciclo dell’acqua e sulle tecnologie, essenziali, per cercare costi minori per la desalinizzazione del mare.

GIOCO DI SQUADRA – Tornando al progetto, al fine di assicurare un’adeguata valenza culturale, scientifica e didattica, gli organizzatori si sono avvalsi della collaborazione e del patrocinio del Comune di Foligno, del sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, del Laboratorio di Scienze Sperimentali, del Gal Valle Umbra e Sibillini e degli enti e delle associazioni competenti nel settore idrico ed ambientali quali Auri, Valle Umbra Servizi Spa, Consorzio Bonificazione Umbra, Arpa, Legambiente ed Unesco. Importante è stato anche il coinvolgimento delle associazioni escursionistiche presenti sul territorio come Cai, Valle Umbra Trekking Aps, Asd Orme Camminare Liberi e Asd Atletica Winner. L’iniziativa può contare inoltre sul supporto finanziario di Bcc di Spello e del Velino, Bcc dei Sibillini e Credem Euromobiliare. Valenza del progetto certificata infine anche dalla Rai che ha concesso il patrocinio e Media Partnership di Rai Umbria e della Tgr Umbria.

IL PROGRAMMA – Per gli organizzatori, Alessandro Alessandri ha snocciolato il calendario dei prossimi appuntamenti. Martedì 21 marzo e mercoledì 22 marzo sono previste escursioni didattiche per cento alunni: il 21 marzo visiteranno il Parco di Colfiorito per poi scendere a Capodacqua dove saranno guidati all’interno dell’acquedotto. Il 22 visiteranno Rasiglia e la Sorgente di AcquaBove. Sabato 25 marzo a Belfiore-Altolina, ore 9, “Un dono alla Sorgente di Rasiglia”: una brocca d’acqua portata dagli atleti lungo il Menotre fino a Rasiglia. Sempre alle 9, ma a Verchiano, “Sorgenti e Fontane”, percorrendo la “Strada delle Vigne” fino alla “Fontana dei Trinci”. A Cammoro-Orsano, stesso orario, “Zampilli di cultura e tradizione”, l’acqua salutare della Sorgente Fauvella e l’Eremo di San Paterniano. Alle 9 a Pale, invece, “Fattore Acqua”, mostra fotografica (dal 22 al 26 marzo). Qualche ora dopo, alle 15.30, si passa a Scopoli con “Ripartiamo dai territori”, insieme a Giovanni Parapini, direttore Rai Umbria, Tiberio Timperi, giornalista, conduttore Tv, ed Alessandri Alessandro dell’“Assemblea della Montagna”. Alle 17 spazio poi a “Immersione”, con Marco Scolastra al pianoforte e Federico Capitoni, testo e voce narrante. Si arriva dunque a domenica 26 marzo. A Colfiorito alle 9, “Guidati dall’acqua”, dalla Palude di Colfiorito ad Afrile e, seguendo il Roveggiano, giù a Capodacqua. Sempre alle 9 ma a Pale, “L’anello nell’acqua”, da Pale alle Fonti di Sassovivo e fin dentro la “Grotta dell’Orso”. A Vescia alle 9, spazio invece a “L’acqua del castello”, i laghetti, la sorgente di Acqua Bianca e poi dentro il “Castello dei Recchi”. A Rasiglia, con orari 11.30-12.30 e 15.30–16.30, “Aprite le ali”, passeggiata “giocata” per bambini nel borgo di Rasiglia. Alle 15.30 a Pale, “L’acqua fonte di vita”, con Luciano Mattioli, Gianluigi Bertuzzi, Chiara Girolami, Enzo Giovannini, Alessandra Bertuzzi e Francesco Romagnoli. E ancora, dalle 16 alle 19 a Belfiore, i misteri del “Pozzo di S. Girolamo”. Infine, a Capodacqua alle 17.30, “L’acqua, bene universale da custodire oggi per il futuro” in compagnia di Tommaso Moramarco, dirigente di ricerca del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e a cura di Festa di Scienza e Filosofia.

Articoli correlati