13.1 C
Foligno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCulturaCapitale italiana della cultura, in corsa anche i Comuni Terre dell'Olio e...

Capitale italiana della cultura, in corsa anche i Comuni Terre dell’Olio e del Sagrantino

Pubblicato il 17 Luglio 2023 09:56

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Via Flaminia Antica, scuole protagoniste

Il progetto ideato dal Club per l'Unesco di Foligno e Valle del Clitunno ha visto il coinvolgimento di tantissimi istituti del territorio, che hanno approfondito la storia della via di comunicazione romana

Quintana, ecco il palio della Sfida firmato da Mirabella

Il trentaseinne originario di Enna ha firmato il drappo presentato nel corso della Cena Grande e realizzato in collaborazione con Massimo Fiordiponti, storico quintanaro che ha curato la parte sartoriale

Foligno, aggredisce i poliziotti intervenuti per sedare la lite

La polizia ha arrestato un trentatreenne per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. L'episdio è avvenuto nella serata di venerdì 24 maggio in un'abitazione del centro storico

I Comuni Terre dell’Olio e del Sagrantino sognano in grande. C’è anche l’Unione delle otto città umbre tra le realtà candidate a “Capitale italiana della cultura 2026”. Bevagna, Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, Giano dell’Umbria, Gualdo Cattaneo, Massa Martana, Montefalco e Trevi hanno infatti espresso la volontà di correre per l’ambito titolo, che permetterà al vincitore di poter portare avanti e sviluppare i progetti presentati, godendo inoltre di un risalto importantissimo a livello nazionale anche sul fronte turistico. Negli scorsi giorni sono state ufficializzate le 26 città italiane e unioni di comuni che hanno inviato al ministero della Cultura la manifestazione d’interesse per il bando. Rappresentate 14 regioni d’Italia, tra nord e sud del Paese. Per quanto riguarda l’Umbria, l’Unione Terre dell’Olio e del Sagrantino guidata dal sindaco di Castel Ritaldi, Elisa Sabbatini, sarà affiancata dalla città di Todi. Dopo la manifestazione d’interesse, la corsa verso il titolo proseguirà con il perfezionamento della candidatura. Le aspiranti Capitali, dovranno inviare al Ministero il dossier con il dettaglio del progetto culturale entro il prossimo 27 settembre.

Articoli correlati