17 C
Foligno
domenica, Aprile 14, 2024
HomeAttualitàTra villaggi del gusto e cene stellate, si avvicina l’appuntamento con I...

Tra villaggi del gusto e cene stellate, si avvicina l’appuntamento con I Primi d’Italia

Presentata la 24esima edizione del Festival promosso da Epta Confcommercio. Aldo Amoni: “Diffondiamo la buona cultura dell’alimentazione”

Pubblicato il 18 Settembre 2023 14:51 - Modificato il 2 Febbraio 2024 12:04

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

La nave di Festa di Scienza e Filosofia verso l’attracco: tocca a Fabbri e Battiston

Ventidue le conferenze in agenda per l’ultima giornata, quella di domenica, ma anche tanti laboratori ed eventi ad attendere il pubblico. A poche ore dalla chiusura superate le 10mila prenotazioni: si sta per chiudere un'edizione straordinaria dedicata al Mediterraneo

Non rispetta la semilibertà: trentacinquenne sconterà i tre anni di pena in carcere

L'uomo originario dell'Ecuador era residente a Spello, ma è stato trovato dai carabinieri ubriaco a Bastia Umbra. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Spoleto

Elezioni, a Campello sul Clitunno il centrodestra sceglie Fabiana Grullini

L'attuale consigliere comunale del Gruppo misto aveva già rivestito il ruolo di assessore nel 2019 con l'attuale giunta guidata da Maurizio Calisti. Le prime parole: "Con me squadra che rappresenta sensibilità e professionalità"

Sedici villaggi del gusto, uno glutee free ed un altro dedicato alla solidarietà a cura della Caritas di Foligno. E ancora cooking show e food experience, quattro appuntamenti con gli chef stellati, tre laboratori di pasta fresca, tre convegni sul cibo con esperti del mondo accademico e forense ed uno spazio dedicato ai bambini con protagonisti i personaggi del cartoon “44 gatti”. Sono gli ingredienti della 24esima edizione de I Primi d’Italia, che torna a Foligno dal 28 settembre al primo ottobre prossimo e che vedrà per il taglio del nastro la presenza a Foligno di Antonio Cabrini (giovedì 28 settembre alle 18).

Insomma, un’edizione per il Festival della pasta e dei primi piatti, promosso da Epta Cofcommercio e dal suo patron Aldo Amoni, che si preannuncia come la più ricca di sempre. Non cambia, invece, la mission: promuovere a livello mondiale la cultura del cibo italiano, come stabilito anche dal protocollo d’intesa siglato dal Festival con la Riserva mondiale della biosfera Unesco del monte Peglia.

I dettagli della kermesse sono stati illustrati nella mattinata di lunedì 18 settembre nel Salone d’Onore di palazzo Doni, a Perugia, alla presenza – tra gli altri – del presidente di Epta Amoni, della governatrice dell’Umbria Donatella Tesei e del sindaco di Foligno Stefano Zuccarini. “Un festival – ha detto Aldo Amoni – che è gusto, divertimento, intrattenimento, ma vuole essere soprattutto capace di diffondere la buona cultura dell’alimentazione, sensibilizzando gli opinion leader e gli esperti di settore attraverso momenti di approfondimento”. Quelli, cioè, dedicati alla sicurezza alimentare con avvocati, magistrati e forze dell’ordine; ma anche con gli esperti dell’Università di Perugia per conoscere la storia della pasta, alimento principe della dieta mediterranea. Nel corso del Festival, poi, anche un focus sulle paste a basso indice glicemico e sulle ricette a zero sprechi con un appuntamento dedicato alla scienza che vedrà intervenire il fisico Andrey Valamov, ricercatore allo Spin-Cnr di Roma.

“Un programma sempre più ricco”: così lo ha apostrofato la presidente Tesei, parlando di “una manifestazione che ormai è diventata un appuntamento tradizionale per Foligno e per tutta la regione, volano per il turismo, anche internazionale. Il tutto – ha aggiunto – cercando di diffondere la cultura del buon cibo e della qualità delle materie prime, in una regione come l’Umbria che delle eccellenze enogastronomiche ne è la portabandiera”.

Di “legame indissolubile e sembiotico” tra la città di Foligno e il Festival ha, invece, parlato il sindaco Zuccarini, che ha annunciato:  “In questi giorni ci hanno proposto di entrare a far parte della costituenda Rete nazionale delle città gourmet tra le realtà che ospitano grandi festival di enogastronomia e tipicità, un’altra grande vetrina che potrà portare nuove occasioni di sviluppo per Foligno e per I Primi d’Italia”. Ma il sindaco è andato anche oltre: “L’obiettivo – ha detto – resta quello di lavorare insieme ad un Festival ancor più radicato nel territorio, penso ad esempio alle sponde del fiume Topino, alla Valle del Menotre e alla nostra area montana, verso traguardi sempre più ambiziosi”.

Ad intervenire anche il presidente del Gal Valle Umbra e Sibillini, Pietro Bellini. “È una manifestazione che, proprio come il Gal – ha dichiarato -, è nata per valorizzare sia questa terra sia le tante eccellenze italiane che si fondono meravigliosamente nel mondo dei primi piatti. Ci auguriamo di continuare a vedere questa bella manifestazione crescere e ottenere sempre più riconoscimenti e, per questo, forniamo il nostro contributo oggi, così come è stato negli anni passati e, siamo certi, futuri”.

Ma I Primi d’Italia guardano anche al sociale: sabato 30 settembre, alle 21, l’auditorium San Domenico ospiterà “Note d’Insieme”, serata tra musica e varietà, che vedrà la partecipazione straordinaria dell’attore Marco Bocci e il cui ricavato sarà devoluto alla Caritas di Foligno per sostenerne i progetti. I biglietti sono acquistabili all’Info Point di piazza della Repubblica.

Il programma completo della manifestazione è consultabile  sul sito www.iprimiditalia.it.
 

Articoli correlati