12.3 C
Foligno
martedì, Aprile 16, 2024
HomeCulturaIl Mediterraneo al centro della prossima Festa di scienza e filosofia

Il Mediterraneo al centro della prossima Festa di scienza e filosofia

Pubblicato il 27 Dicembre 2023 09:46

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

In centinaia per dire “no” ai motori sui sentieri

La manifestazione, organizzata dal Cai della regione Umbria, ha coinvolto numerosi cittadini e alcuni esponenti delle istituzioni, che hanno ribadito la contrarietà all’emendamento che liberalizza il transito dei veicoli in montagna

Passaporti, anche a Foligno scattano le nuove modalità

Da mercoledì 17 aprile le prenotazioni, effettuabili solamente online, vedranno gli uffici del commissariato aumentare la loro disponibilità per quanto riguarda giorni e orari. Ecco come fare

Il vino che fa bene all’arte: duemila bottiglie Caprai restaureranno la chiesa di Bevagna

Torna l'iniziativa del produttore montefalchese in favore dei beni culturali del territorio. La speciale etichetta è disegnata dal maestro Luigi Frappi

Ci sarà il Mediterraneo al centro della prossima “Festa di scienza e filosofia – Virtute e canoscenza”. La 13esima edizione è in programma dall’11 al 14 aprile prossimi e per il secondo anno coinvolgerà, oltre alla città di Foligno, anche quella di Fabriano con incontri e conferenze che si terranno nelle giornate del 12 e 13 aprile. Il tema prescelto per accompagnare il dibattito che, come sempre, vedrà protagonisti importanti studiosi di fama nazionale ed internazionale, sarà “Il Mediterraneo: dalla culla della scienza e della filosofia a scenario delle sfide per il cambiamento”. “Un tema attuale – commenta il direttore del Laboratorio di scienze sperimentali di Foligno, Pierluigi Mingarelli – visto quello che sta, purtroppo, succedendo in quest’area, al quale avevamo pensato già prima che scoppiasse il secondo conflitto che in questo momento interessa territori, nazioni e popolazioni del Mediterraneo”. Ad attendere il pubblico di studenti e cittadini saranno, come sottolineato dal direttore Mingarelli, momenti di “analisi, studio e informazione sia di ciò che è successo  nel passato ma anche del futuro”. “Il Mediterraneo – ha dichiarato a questo proposito il direttore del Laboratorio di scienze sperimentali di Foligno – oltre che culla della scienza e della filosofia, si può anche definire culla della civiltà occidentale. E, attraverso la soluzione delle crisi che lo interessano – ha concluso -, si può pensare ad un futuro migliore fatto di pace, di equità, di giustizia, di tranquillo spostamento dei popoli e soprattutto di un arricchimento delle popolazioni di quei territori africani, europei e di altri continenti che non vivono nelle stesse condizioni in cui vive l’Occidente”.

Articoli correlati