17 C
Foligno
sabato, Aprile 13, 2024
HomeCulturaTaglio del nastro per il Museo della memoria di Colfiorito

Taglio del nastro per il Museo della memoria di Colfiorito

Pubblicato il 16 Gennaio 2024 10:26

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

La nave di Festa di Scienza e Filosofia verso l’attracco: tocca a Fabbri e Battiston

Ventidue le conferenze in agenda per l’ultima giornata, quella di domenica, ma anche tanti laboratori ed eventi ad attendere il pubblico. A poche ore dalla chiusura superate le 10mila prenotazioni: si sta per chiudere un'edizione straordinaria dedicata al Mediterraneo

Non rispetta la semilibertà: trentacinquenne sconterà i tre anni di pena in carcere

L'uomo originario dell'Ecuador era residente a Spello, ma è stato trovato dai carabinieri ubriaco a Bastia Umbra. Per lui si sono aperte le porte del carcere di Spoleto

Elezioni, a Campello sul Clitunno il centrodestra sceglie Fabiana Grullini

L'attuale consigliere comunale del Gruppo misto aveva già rivestito il ruolo di assessore nel 2019 con l'attuale giunta guidata da Maurizio Calisti. Le prime parole: "Con me squadra che rappresenta sensibilità e professionalità"

Taglio del nastro sabato 20 gennaio per il Memoriale del campo di concentramento di Colfiorito che ospita il Centro studi dell’internamento e della deportazione intitolato ad Olga Lucchi. L’appuntamento è alle 10.15 in via della Rinascita, quando prenderà il via l’inaugurazione, nel corso della quale interverranno la presidente del “L’Officina della memoria” Rita Zampolini, il direttore scientifico del progetto, Costantino Di Sante, l’architetto e grafico, Matteo Lucidi, la direttrice dell’Archivio di Stato di Perugia, Cinzia Rutili, il presidente dell’Istituto di storia dell’Umbria contemporanea, Alberto Stramaccioni, e rappresentanti del Gal Valle Umbra e Sibillini. Presenti all’evento anche i soci de “L’Officina della memoria”, ossia l’Aned, la Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno, il Liceo classico “Frezzi-Beata Angela” e la Provincia di Perugia. Ai saluti istituzionali seguirà la visita al Memoriale. Gli appuntamenti proseguiranno, poi, nel pomeriggio con la lettura, alle 15.45, delle testimonianze di alcuni internati nel campo di concentramento di Colfiorito a cura di Michele Bandini di Zoe Aps. In agenda per le 16.15, invece, la proiezione del video “Vite nel vento incessante”, con gli interventi musicali e letterari degli alunni della scuola secondaria di primo grado di Belfiore dell’Istituto comprensivo Foligno 5; mentre, alle 17, si terranno le “Esperienze laboratoriali scuola, comunità, territorio sul filo della Memoria del campo. Il Valore del territorio e della sua storia dentro la didattica” con la proiezione de “Il Feroce Saladino” dal Laboratorio cinematografico 2009/2010 a cura di Matteo Lucidi e Vincenzo Falasca e la pubblicazione “Nessuno lo chiamava il campo…” del Laboratorio scolastico 2000/2001 a cura della professoressa Marina Pia Buriani. Gli eventi celebrativi del Memoriale proseguiranno, poi, nella giornata di domenica 21 gennaio con il trekking “In cammino sui luoghi della memoria” in collaborazione con il Cai Foligno, la Fie Valle Umbra Trekking, Orme Camminale Liberi, le sezioni Anpi di Foligno, Nocera Umbra e Valtopina, l’Aned, Bianca Eleuteri e Laura Picchiarelli. Il ritrovo è fissato alle 8 alle Casermette di Colfiorito. Due i percorsi previsti: uno per Collecroce di 8 chilometri; l’altro per Cesi di 11 chilometri. Lungo entrambi i tragitti verranno effettuate delle soste commemorative a cura dell’Anpi. I due trekking si concluderanno, poi, alle 12.30 con la visita al Memoriale. “Coltivare la memoria – commenta la presidente Zampolini – implica il coraggio e la tenacia di non dimenticare, di ricercare, di studiare, far conoscere ciò che è stato facendone tesoro. Lo scopo – ho sottolineato – è impedire che si ripeta il diniego della dignità e dei diritti umani, della libertà individuale e collettiva, della pacifica e solidale convivenza, con qualsiasi nome e – ha concluso – in qualunque forma esplicita o subdola si ripresenti”.

Articoli correlati