26 C
Foligno
venerdì, Aprile 12, 2024
HomeEconomiaIn Umbria i dipendenti privati guadagnano meno che in Italia

In Umbria i dipendenti privati guadagnano meno che in Italia

Pubblicato il 22 Gennaio 2024 16:58

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Raccolta indiscriminata di prugnoli: maxi sanzione a Foligno

Un cercatore è stato trovato in possesso di ben 230 funghi sotto misura. Fatto analogo a Valtopina, dove i carabinieri forestali sono intervenuti per sequestrare e distruggere il frutto del raccolto

Una “Lettera alla città” per combattere la povertà educativa a Foligno

Il progetto prevede la realizzazione e il potenziamento di iniziative formative che coinvolgeranno una platea di circa 2mila ragazzi tra i 5 e i 14 anni. A promuoverlo la Diocesi in collaborazione con la Fondazione San Domenico da Foligno e la cooperativa Densa

Dieci anni senza Omero Savina: in due incontri il suo amore per la montagna

Valle Umbra Trekking dedicherà alla figura di uno dei punti di riferimento del trekking italiano diverse iniziative. Si parte sabato all'ex chiesa dell'Annunziata per scoprire il significato dei cammini nella storia. Domenica escursione a Pale

In Umbria gli stipendi dei lavoratori privati sono più bassi che nel resto del Paese, questo quanto emerso dall’ultima edizione della Relazione economia sociale realizzata da AUR, l’Agenzia Umbria Ricerche. Secondo la presidente della Regione Donatella Tesei, il fatto che in Umbria si guadagni meno rispetto alla media nazionale, è connaturato nello sviluppo che la regione ha finora vissuto, risultando a tutti gli effetti un elemento strutturale. Chiaramente la retribuzione dei lavoratori dipendenti è un fattore che deriva da molte variabili, come il tipo di contratto, la sua durata, dal genere, dall’età, il settore di appartenenza e in particolare la specializzazione del lavoratore.

Oltre allo stesso sviluppo del territorio di appartenenza. Il dato che risulta allarmante è che nel 2022, la retribuzione media di chi lavora al di fuori del settore agricolo, in Umbria è stata pari a 22.222 euro, mentre in Italia a 22.839 euro. In Umbria impiegati e quadri dirigenti guadagnano in media molto meno rispetto ai colleghi italiani di pari qualifica, mentre i lavoratori impiegati a tempo indeterminato, full time e retribuiti per l’intero anno, al netto della differenza data dalla composizione per qualifiche, risultano guadagnare l’11% in meno rispetto ai colleghi operanti nel resto del Paese. Dunque a parità di condizioni in Umbria si guadagna meno che in Italia. La nostra regione, paga un deficit nella specializzazione dei lavoratori e una scarsa propensione a investire sulle alte qualifiche. Il divario retributivo si ampia soprattutto tra i dirigenti, mentre per quanto riguarda il gender pay gap, le donne in Umbria guadagnano meno degli uomini e soprattutto guadagnano meno delle donne che lavorano nel resto d’Italia. Questo è probabilmente dovuto ad una maggiore diffusione del lavoro part-time, che nel 2022 ha coinvolto la metà delle donne operanti in Umbria, mentre solo il 18% degli uomini. Confrontando i dati del 2019 con quelli del 2022, sembra che il problema delle basse retribuzioni non stia in alcun modo migliorando, anzi.

Questo sarebbe dovuto ad una scarsa capacità da parte delle imprese locali di valorizzare, attraverso gestione ed investimenti, un capitale umano che risulta mediamente più qualificato e istruito rispetto alla media nazionale, dimostrando lacune nell’attività manageriale, uno dei primi punti su cui lavorare per cercare di recuperare una situazione che di positivo ha ben poco. Le conseguenze di questi deficit sono proprio quanto spiegato finora, cioè una retribuzione media più bassa rispetto all’Italia, che continua ad essere un problema non più trascurabile per i cittadini della nostra Regione.

Articoli correlati