9.1 C
Foligno
martedì, Aprile 23, 2024
HomeCulturaBevagna protagonista de “Il Pomeriggio di Radio 1”

Bevagna protagonista de “Il Pomeriggio di Radio 1”

La “bevagnizzazione”, il tacuinum sanitatis e le bellezze architettoniche e paesaggistiche del borgo in diretta nazionale. Il sindaco Falsacappa: “Buona promozione della città”

Pubblicato il 16 Febbraio 2024 17:29 - Modificato il 16 Febbraio 2024 17:54

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

La “bevagnizzazione”, il buon vivere nel borgo umbro e le sue bellezze architettoniche e paesaggistiche. Sono stati tra i temi toccati da “Il Pomeriggio di Radio 1”, trasmissione di Radio Rai 1 in onda dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 17. Giovedì 15 febbraio è toccato a Bevagna, con la trasmissione radiofonica che ha fatto tappa nello splendido borgo medievale per esaltare le eccellenze del territorio. Condotto da Ivan Cardia (che quotidianamente gira l’Italia per scoprire le sue bellezze), con Simona Arrigoni, Massimo Giraldi e Claudio De Tommasi, “Il Pomeriggio di Radio 1” – trasmissione itinerante che valorizza i borghi del Belpaese – ha messo al centro della puntata proprio Bevagna e le sue peculiarità. A partire dalla “bevagnizzazione”, termine coniato dal professor Giuseppe De Rita, presidente del Censis, e che racchiude in sé uno stile di vita sano, equilibrato, fatto di forti legami sociali e rispetto reciproco. Durante la trasmissione si è parlato anche del tacuinum sanitatis, la copia del 1300 conservata nella biblioteca comunale di Bevagna: una rarità dell’intero panorama medievale. Ma si è parlato, come detto, anche delle bellezze storiche e architettoniche della cittadina, oltre al ricco patrimonio paesaggistico. “Ci vorrebbe un po’ di ‘bevagnizzazione’ in tutto il mondo” hanno detto i conduttori di Radio 1 al termine della puntata, a testimonianza di come i messaggi partiti da Bevagna abbiano fatto centro. Oltre a cultura, arte, cibo di qualità e paesaggio non potevano mancare nemmeno le Gaite che, insieme al tacuinum sanitatis, permettono alla cittadina umbra di essere un punto di riferimento per quanto riguarda la ricerca storica e la ricostruzione di quello che fu il Medioevo in Italia. Ad intervenire, nel corso della puntata, il sindaco Annarita Falsacappa, l’assessore alla Cultura Marco Gasparrini e il presidente del consiglio comunale, Giacomo Bonini Baldini, che ha regalato agli ascoltatori anche un “assaggio” di dialetto bevanate. “Bevagna è la città della misura, dell’equilibrio, dove non c’è il troppo né il troppo poco, dove i tanti visitatori che arrivano sanno percepire l’atmosfera che si respira e cogliere l’accoglienza degli abitanti, i quali apprezzano il buon vivere e sanno adeguarsi al cambiamento del mondo, con le solide radici nel passato antico e glorioso – afferma a margine della trasmissione il sindaco Annarita Falsacappa -: il sociologo De Rita, a cui abbiamo donato la cittadinanza onoraria per averci regalato un neologismo tutto per noi, ‘bevagnizzazione’, ha spiegato molto bene il senso di questo termine che va oltre l’accezione di borgo. Con la trasmissione di Radio 1 crediamo di aver fatto una buona promozione della nostra straordinaria città”.

Articoli correlati