9.1 C
Foligno
martedì, Aprile 23, 2024
HomeAttualitàA Foligno il palazzo comunale si illumina di blu per la campagna...

A Foligno il palazzo comunale si illumina di blu per la campagna dedicata all’autismo

L’iniziativa in programma per martedì 2 aprile riguarderà l’orologio monumentale e il torrino. Diversi gli appuntamenti in agenda anche nel resto del territorio regionale per sensibilizzare sempre di più cittadini ed istituzioni

Pubblicato il 1 Aprile 2024 11:49 - Modificato il 2 Aprile 2024 14:12

Tienimi informato

Rimani sempre aggiornato sui fatti del giorno

Ultimi articoli

Cade e batte la testa: 47enne portato in ospedale per un trauma cranico

L’episodio nella mattinata di lunedì 22 aprile in viale Firenze: l’uomo stava scaricando un escavatore quando ha perso l’equilibrio. Dopo aver valutato un suo trasferimento in ospedale con l’elisoccorso, l’uomo è stato portato al “San Giovanni Battista”

Violenza di genere, al Commissariato di Foligno una stanza dedicata alle vittime

In via Garibaldi allestito uno spazio per le audizioni protette, frutto della sinergia tra polizia e Soroptimist International Club Valle Umbra. Il questore Lamparelli: “Un fenomeno sommerso che richiede una grande opera di sensibilizzazione e azioni preventive”

Chiesa di Foligno in lutto per la morte di monsignor Dante Cesarini

Ordinato presbitero nel 1960, il sacerdote è stato assoluto protagonista della vita culturale e della formazione teologica della Diocesi di Foligno: per diciassette anni è stato direttore della biblioteca “Jacobilli”

L’orologio monumentale e il torrino del palazzo comunale di Foligno si illuminano di blu. L’iniziativa, come di consueto, si lega alla Giornata mondiale della consapevolezza dell’autismo che ricorre martedì 2 aprile. Accolta, dunque, anche a Foligno la richiesta inviata dalle associazioni Rare Special Power (RSP) ed Anffas Per Loro Onlus, che prevede, nell’ambito del progetto #LightAMonument, l’illuminazione di monumenti cittadini di colore blu con lo scopo di sensibilizzare sempre di più cittadini ed istituzioni sui temi dell’autismo e della disabilità. Patrocinati dall’Ordine delle professioni infermieristiche della provincia di Perugia, dall’Ordine dei tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della prevenzione e della riabilitazione di Perugia e Terni, saranno dunque illuminati di blu i principali monumenti civici umbri per mantenere sempre alta l’attenzione sull’autismo. 

In programma anche altri eventi promossi sul resto del territorio regionale dall’Associazione nazionale genitori soggetti autistici (Angsa), che proseguiranno fino a maggio. Eventi che, spiegano dal sodalizio, “saranno un’occasione importante anche per riflettere sullo stato dell’arte attuale e sull’impegno dell’associazione umbra nei prossimi mesi”. Dopo aver lavorato negli anni alla nascita di realtà come La Semente di Spello e il Centro Up di Santa Maria degli Angeli, l’associazione, infatti, guarda ora alla legge sul Dopo di noi, che punta alla realizzazione di centri residenziali per persone con questa disabilità. Tornando, però, agli appuntamenti di martedì 2 aprile, tra quelli segnalati c’è l’apertura delle due strutture di Spello e Santa Maria degli Angeli per una visita istituzionale con il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, l’avvocato Massimo Rolla. Sempre martedì, Angsa Umbria, attraverso il direttore dei servizi Andrea Tittarelli, sarà in trasferta in Valle d’Aosta per la presentazione del progetto “La Semente” come buona prassi di centro diurno e fattoria sociale, che promuove l’inclusione sociale e la riabilitazione delle persone con autismo. 

Infine, due iniziative social: #ilbluaddosso che invita, chi vorrà, a vestirsi di blu, colore scelto dall’Onu per rappresentare l’autismo e a condividere eventuali foto sui social taggando Angsa Umbria; e #nelbludipintodipiu, rivolta a famiglie e scuole per disegnare e, anche in questo caso, condividere sui social i lavori realizzati. I disturbi dello spettro autistico (DSA), lo ricordiamo, caratterizzano i processi del neurosviluppo, in cui si osserva un’organizzazione atipica di alcune aree del cervello che vanno a compromettere funzioni della sfera comportamentale come interazione sociale, comunicazione, linguaggio e immaginazione (interessi ristretti, con comportamenti stereotipati). Le cause sono in parte dovute a ragioni genetiche, anche se queste non spiegano in modo esaustivo il complesso quadro clinico. Studi sono in corso a livello mondiale e la ricerca ha comunque portato a interessanti risultati e dati per quanto concerne l’identificazione di alcuni geni o regioni cromosomiche maggiormente colpite. 

Articoli correlati